Politica
30 Novembre 2021
L'esponente dem ci riprova: "Fondamentale per garantire piena efficacia dell'azione di accompagnamento alla ripartenza delle attività economiche"

Dalla senatrice Boldrini un emendamento per “salvaguardare la Ccia di Ferrara”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Ferrara è una città ostile ai giovani

La crisi della felicità è uno dei tanti problemi, come la disoccupazione, l’abbandono del territorio dei giovani e l’aumento dell’età media, che conta la città di Ferrara

Furti a Malborghetto. Interpellanza dem chiede l’installazione di telecamere

Dopo l'intervento di ieri arriva anche l'interpellanza di Elia Cusinato e Maria Dall'Acqua in merito alla mancata installazione di telecamere a Malborghetto di Boara, nonostante un'altra interpellanza presentata il 12 ottobre scorso e la possibilità di installazione "già stata paventata in Consiglio Comunale il 24 gennaio 2023"

Paola Boldrini

Nella giornata di lunedì 29 novembre, termine ultimo per presentare gli emendamenti in Finanziaria, con la sottoscrizione anche dei colleghi Alan Ferrari e Andrea Marcucci, la senatrice Paola Boldrini ha firmato il documento per salvaguardare la Camera di Commercio.

L’esponente dem ci riprova, perché crede, come cita il documento, che la salvaguardia della Camera di Commercio di Ferrara sia fondamentale per “garantire da parte delle Camere di Commercio la piena efficacia dell’azione di accompagnamento alla ripartenza delle attività economiche nei territori di competenza” . Nella fase intra e post pandemia, il loro ruolo è fondamentale.

Boldrini e i colleghi chiedono l’introduzione di un articolo, il 153 bis, che di fatto prevede – fatti salvi gli accorpamenti già conclusi – l’indicazione di criteri e modalità per la revisione del numero massimo delle Camere di commercio e della loro dimensione minima, anche in deroga a quanto previsto dalla legge 124 del 7 agosto 2015 e dal decreto legislativo 219 del 25 novembre 2016.

Molti sono i provvedimenti tentati da Boldrini in questi anni. “Io, anzi io Ferrari e Marcucci ci crediamo fermamente. Confidiamo che in questa fase, che contempla una ripresa, e quindi la necessità di coordinare lo sviluppo, se ne tenga conto. Tanto più in considerazione dal cambiamento del quadro economico sociale degli ultimi anni. Perdere l’autonomia di Ferrara e dare avvio a una fusione con Ravenna, significherebbe smarrire un patrimonio identitario importante, col rischio di rallentare, per i naturali assestamenti che seguono simili operazioni, l’attività della nascente ‘unica’ Camera di Commercio”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com