Economia e Lavoro
26 Giugno 2021
Nuovo progetto di Cna Ferrara e Sipro. Realizzati due filmati per altrettanti itinerari esperienziali: "Una modalità di offrire pacchetti turistici per coinvolgere tutti i tipi di artigianato"

Virtual Sensorium Exhibition: alla scoperta di Ferrara con i cinque sensi

di Redazione | 3 min

Leggi anche

L’ex capo della Mobile nella lista della Lega

Portare in municipio i concetti di “servizio” e “presenza”. È l’impegno di Pietro Scroccarello, ex capo della Squadra mobile, oggi in pensione, che si candida al consiglio comunale nella lista della Lega

di Lucia Bianchini

Esperienze sensoriali per scoprire le eccellenze artigianali e enogastronomiche di Ferrara e provincia. È il nuovo progetto di Cna e Sipro, ‘Virtual Sensorium Exhibition’, che si è sviluppato nell’ambito del più ampio progetto europeo ‘Adrio 5 senses’ ed è giunto alla fase finale: nella mattinata di venerdì 25 giugno sono stati presentati i due video creati da Giulia Bratti e Jessica Morelli.

“Il progetto – ha spiegato Linda Veronesi, responsabile di Cna turismo e commercio – si inserisce in un’azione più ampia di Cna turismo, nazionale e territoriale: pensiamo che il turismo esperienziale sia una modalità di offrire pacchetti turistici che oggi abbia attrattività, e lo scopo di Cna è coinvolgere tutti i tipi di artigianato e dare una valorizzazione turistica”.

I filmati sono due itinerari esperienziali: il primo da Ferrara ad Argenta passando per Voghiera e Portomaggiore, il secondo da Ferrara a Bondeno passando per Terre del Reno e raggiungendo il bosco della Panfilia. I percorsi toccano anche 13 aziende artigiane del territorio, operanti in diversi settori, dolciario, abbigliamento, agricoltura biologica, alimentare, ospitalità, che sono raccontate da 13 clip video da 5 minuti e interventi social.

“Oltre alla visione di tutti i sensi ho voluto dare una visione intermodale – ha spiegato Giulia Bratti -, non solo con l’auto, ma con il treno, la barca e la bicicletta o i percorsi pedonali. È stata un’occasione per approfondire tematiche non nuove, ma che devono essere sviluppate e mostrate all’esterno”. “Entrare in una bottega artigiana, qualsiasi cosa si produca, è un’esperienza empatica ed emotiva, e abbiamo voluto renderla nei nostri video. Abbiamo chiesto quale sia il profumo o il rumore che caratterizza il lavoro, e abbiamo constatato che anche cucire il cuoio fa rumore, anche se nella vita di tutti i giorni non te ne rendi conto. È importante poi che i progetti non si concentrino solo su Ferrara centro, ma anche sulla provincia, che va valorizzata”, ha proseguito Jessica Morelli.

I materiali video, già disponibili sul sito di Sipro e presto su quello di Cna Ferrara, saranno messi a disposizione degli operatori turistici e di enti pubblici o privati che si occupano di valorizzazione del territorio ferrarese e che vorranno inserire questi percorsi nei loro itinerari o siti istituzionali.

“Non abbiamo avuto paragoni precedenti su cui uniformarci – ha spiegato Stefano di Brindisi, presidente di Sipro – ed è un progetto che abbiamo realizzato partendo dal presupposto che la conoscenza di un luogo passi anche attraverso quello che lì si fa tutti i giorni, e il sistema artigianale racconta questo. L’abbiamo trovata fin da subito un’idea accattivante e partendo da qui abbiamo sviluppato insieme a Cna un discorso virtuoso, per oggi e per il futuro, quindi al bando il ritenere che il nostro sia un territorio fragile e in difficoltà, sono convinto che abbia peculiarità importanti che vanno sostenute”. “È importante costruire, a beneficio di chi opera nel turismo, nuove suggestioni e nuovi strumenti per creare un’offerta turistica ampia e slegata dalla stagionalità. Stiamo passando dal turismo legato ai prodotti al sistema di destinazione, di esperienza, una richiesta di turismo diversa rispetto al passato, per conoscere meglio i territori”, ha concluso Davide Bellotti, presidente di Cna.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com