Politica
27 Febbraio 2021
Candidatura formalizzata dalla Giunta, si aggiunge anche l'area Sipro di via Battistella. L'assessora Travagli: “Ci aspettiamo sostegno dalla Regione”

Ferrara candida il Petrolchimico per la Zona logistica semplificata

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Litiga con l’ex compagna e picchia un maresciallo dei carabinieri

Nella serata di sabato 20 aprile, i carabinieri di Argenta sono intervenuti in un'abitazione di San Biagio su richiesta di una donna 57enne di nazionalità ucraina che aveva avuto un diverbio con un connazionale 40enne a cui, in passato, era stata sentimentalmente legata

Fermato e denunciato il piromane di Lido degli Estensi

Avrebbe appiccato piccoli incendi e forato gli pneumatici di automobili in sosta, fino a quando i carabinieri non lo hanno sorpreso mentre si allontanava dopo aver dato fuoco con un accendigas ad alcune ramaglie lasciate sulla strada da alcuni residenti

Temporali, vento e mareggiate: è allerta meteo nel Ferrarese

Probabilità di forti temporali, vento e mareggiate. E' l'avvertimento della Protezione civile dell'Emilia-Romagna per la provincia di Ferrara con l'emanazione dell'allerta di colore giallo (criticità ordinaria) che prevede già dalla seconda parte della giornata del 22 aprile condizioni favorevoli allo sviluppo di fenomeni intensi

Il Comune di Ferrara ha deciso di candidare il Petrolchimico per la Zona logistica semplifica della Regione Emilia-Romagna.

La Giunta, con una delibera adottata venerdì 25 febbraio, ha formalizzato la presentazione della candidatura del Polo per l’ingresso nella Zls in collegamento con il porto di Ravenna, che ne costituisce il fulcro.

Introdotte con la Legge di bilancio 2018 (legge 27.12. 2017, n. 205) le Zls sono zone geograficamente delimitate, costituite anche da aree non territorialmente adiacenti ma legate da un nesso economico-funzionale e comprendenti almeno un’area portuale. Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna il baricentro è stato individuato nel porto di Ravenna e possono entrare a far parte della Zls anche i nodi intermodali regionali e le aree produttive commerciali identificate secondo criteri di collegamento economico e logistico con il porto stesso.

Per questo, l’assessorato al Bilancio e allo Sviluppo Economico del Comune di Ferrara, sulla base dell’indicazione ricevuta dal Consiglio comunale il 14 dicembre scorso, ha elaborato un progetto frutto dell’attività di un gruppo di lavoro appositamente istituito dalla Giunta comunale utile a presentare la candidatura e a ottenere l’inserimento di Ferrara e del suo Polo Chimico tra le aree ricomprese nella Zls.

Si tratta, in particolare, di una serie di aree dismesse all’interno del Polo chimico industriale, a cui si aggiungono l’area Sipro di via Battistella e altre due adiacenti grandi aree di espansione produttiva, per 105 ettari totali.

“Abbiamo candidato il nostro Comune al progetto in via di definizione in Regione della Zls perché fermamente convinti delle potenzialità del sito industriale che ruota attorno al Polo chimico e delle sue potenziali intersettorialità con il Porto di Ravenna – spiega l’assessore alle Attività produttive, Angela Travagli – e ci aspettiamo un sostegno dalla Regione per potenziare il ruolo di uno dei maggiori centri industriali per importanza e posizione strategica a livello nazionale”.

Nel progetto presentato dal Comune di Ferrara per la candidatura tre sono gli aspetti fondamentali: l’importante presenza di un sistema industriale organizzato che rende il Polo di Ferrara “il più antico sito petrolchimico italiano, riconosciuto in tutto il mondo come uno dei più importanti siti produttivi, grazie alla presenza di impianti tecnologici avanzati e capaci di controllare sempre di più lʼimpatto ambientale”. Sottolineata, inoltre, la “presenza operativa di Ifm che gestisce la complessa rete di infrastrutture industriali e i servizi a favore delle aziende insediate e di eventuali altri nuovi insediamenti con utilities all’interno del Polo disponibili per le aziende e facilities gestite da Ifm stessa (rete acqua antincendio, rete fognaria acque bianche, rete fognaria acque di processo, eccetera). Fondamentale è infine la possibilità “di un utile potenziamento delle infrastrutture per la viabilità su gomma e su rotaia, facilmente realizzabile grazie ad impianti già presenti che possono essere implementati”. A tutto questo si aggiunge “anche il ruolo di Sipro come importante promotore delle aree produttive adiacenti al sito”, spiega ancora l’assessore Travagli.

A sostegno del progetto di facilitazione dell’insediamento di nuove aziende nell’area l’Amministrazione comunale si impegna a “ridurre gli oneri fiscali di propria competenza nei confronti di nuove aziende che si andranno ad insediare e di quelle già insediate, che presentino piani di sviluppo delle proprie attività – si legge ancora nel testo della candidatura – e a rendere funzionali gli snellimenti procedurali previsti dallo Stato e dalla Regione, attivandosi anche in termini urbanistici per promuovere la creazione di condizioni favorevoli allo sviluppo di nuovi insediamenti”.

Per Ferrara l’inserimento dell’area del Polo chimico in Zls “può rappresentare un’importante opportunità per attrarre investimenti e creare posti di lavoro diretti e indiretti – conclude Travagli -. Un’opportunità nella quale crediamo molto per legare il nostro sviluppo territoriale ancora più strettamente all’economia del resto della Regione”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com