Cronaca
27 Gennaio 2021
Il suo legale “È disposizione delle autorità inquirenti per qualsiasi chiarimento”. La Lega chiede che venga sospesa dalla presidenza della Fondazione vittime dei reati

Affidi. L’ex giudice onorario Buccoliero indagata ad Ancona

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Ombre nere su Ferrara, a marzo gli interrogatori delle Fiamme Oro

Saranno interrogati nella giornata di martedì 5 marzo i due rugbisti delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, scappati prima dell'arrivo della pattuglia all'interno del ristorante di via Carlo Mayr dove, lo scorso 22 dicembre, una festa di compleanno 'in maschera' tra amici è degenerata tra cori inneggianti a Mussolini e Hitler e la distribuzione di volantini beceri e di pessimo gusto

Processo Bergamini. “Segni sulla gola compatibili con un trauma”

È stata la professoressa ordinaria di medicina legale a Pisa, Emanuela Turillazzi, l'unica testimone chiamata ieri (23 febbraio) a deporre davanti alla Corte d’Assise di Cosenza, durante il processo a carico di Isabella Internò, unica imputata per la morte di Denis Bergamini

Rivolta all’Arginone. Trentasette detenuti a processo

Trentasette persone, all'epoca dei fatti tutte detenute a Ferrara, sono finite a processo con l'accusa a vario titolo di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, incendio e lesioni aggravate per la rivolta nel carcere di via Arginone, avvenuta durante i primi giorni dell'emergenza Coronavirus, quando le misure restrittive imposte per contrastare il diffondersi della pandemia, tra cui il divieto di visite dei parenti, furono il pretesto per accendere gli animi dei ristretti nei penitenziari di tutta Italia

Furti a Malborghetto, stretta della Polizia di Stato

La questura fa notare la costante attività di prevenzione e presenza sul territorio che "ha l'obiettivo - afferma una nota di Palazzo Camerini - di assicurare e mantenere le condizioni di autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini"

Elena Buccoliero

Elena Buccoliero, ex giudice onorario ferrarese del Tribunale per i minorenni di Bologna, direttrice della Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, è indagata dalla procura di Ancona per fatti collegati al caso “Angeli e Demoni”, sugli affidi illeciti nel Reggiano.

Secondo le indiscrezioni di stampa, Buccoliero sarebbe indagata per aver reso false dichiarazioni al pubblico ministero (Ancona è la sede competente per quanto riguarda le indagini a carico di magistrati dell’Emilia-Romagna).

“La mia assistita – afferma il suo legale, l’avvocato Massimo Cipolla – è rimasta molto sorpresa dalla notizia dell’indagine, ma è disposizione delle autorità inquirenti per qualsiasi chiarimento”. Il legale conferma che vi sia stata una richiesta di proroga delle indagini, ma non conferma il titolo di reato per il quale Buccoliero risulta iscritta, ovvero le false dichiaraizoni: “Non siamo ancora nella fase della discovery e non posso confermare se quanto riportato da alcuni organi di stampa, ovvero ipotesi di false dichiarazioni al pm, corrisponda alla fattispecie per cui vi sarebbe l’indagine”.

Secondo quanto emerso dalle notizie di stampa, i magistrati starebbero verificando l’affidabilità delle dichiarazioni rese dalla sociologa ferrarese agli inquirenti durante le indagini sui ‘fatti di Bibbiano’ e i rapporti tra lei e gli attuali indagati per il procedimento principale.

Dopo gli articoli di stampa, l’assessora alle Politiche sociali del Comune di Ferrara, Cristina Coletti, ha inviato una lunga nota stampa per specificare che Buccoliero – che è dipendente comunale – non si occupa di minori e affidi all’interno della macchina amministrativa ferrarese, mentre dal 2016 al 2020 è stata referente unica dell’Ufficio Diritti dei Minori (soppresso dalla Giunta Fabbri). “La nuova posizione della dipendente è stata individuata a seguito di una riorganizzazione degli incarichi volta ad efficientare la macchina amministrativa – fa sapere Cristina Coletti -. Il ruolo dell’Ufficio Diritti dei Minori del quale Buccoliero era unica referente, in particolare, è stato ritenuto non consono agli obiettivi operativi della giunta in materia di minori in termini di coordinamento distrettuale. La notizia dell’iscrizione della dipendente nel registro degli indagati per un filone dell’inchiesta Angeli e Demoni è stata da noi appresa dalla stampa e, posto che le indagini ad oggi non toccano il ruolo svolto dalla Buccoliero presso il Comune di Ferrara, rimaniamo in attesa dell’esito delle verifiche giudiziarie su un tema tanto delicato”.

Sempre a fronte della notizia, il consigliere regionale della Lega Stefano Bargi chiede Buccoliero venga sospesa dall’incarco di presidente della Fondazione vittime dei reati “in nome della massima trasparenza che va, in ogni frangente garantita ai cittadini, e per la delicatezza del tema trattato sarebbe importante da parte della giunta regionale dare un segnale positivo”.

“Dopo l’inchiesta sugli affidi illeciti di Bibbiano – affermano i consiglieri regionali di Fdi Marco Lisei , Michele Barcaiuolo e Giancarlo Tagliaferri – Fratelli d’Italia ha più volte chiesto le dimissioni della dottoressa Buccoliero. La Regione dovrebbe quantomeno rendere conto all’Assemblea Legislativa e dei soci della Fondazione, rispettando peraltro un obbligo di Legge, e chiarire quali siano le valutazioni in merito all’opportunità che la dott.ssa Buccoliero ricopra la carica di direttrice della Fondazione fintanto che il procedimento penale sarà pendente e per quali ragioni non ci sia stato alcun approfondimento o istruttoria in merito al mancato rinnovo dell’incarico presso il Tribunale dei Minori di Bologna e per quali ragioni non si sia neppure ritenuto di chiedere alla medesima conto di ciò”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com