Cronaca
20 Dicembre 2020
E' il bilancio dell'attività svolta nel 2020 dalla Polizia Amministratica della Questura. Due pistole e tre carabine ritirate nelle ultime ore a uno stalker

Controllo armi, ritirati quasi 160 fucili e pistole a scopo cautelativo

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Spaccio in Gad. Sequestrate dosi di hashish e marijuana

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 18 luglio, è scattato un nuovo intervento straordinario congiunto di tutte le forze di polizia con l’obiettivo di potenziare l’attività di prevenzione e di contrasto alla criminalità e incrementare il coordinamento sul territorio

Preso il violentatore seriale di Rampari San Paolo

Svolta nelle indagini per rintracciare il violentatore seriale di via Rampari San Paolo. In queste ore infatti, su ordine del pm Stefano Longhi della Procura di Ferrara, gli uomini della polizia di Stato hanno fermato un 20enne di nazionalità nigeriana, gravemente indiziato di tre violenze sessuali perpetrate in città tra la fine di giugno e gli inizi di luglio

E’ lungo l’elenco dei provvedimenti adottati nel corso del 2020 dalla Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Ferrara in seguito ad accertamenti sulla detenzione di armi.

Solo nelle ultime giornate gli agenti della Squadra Amministativa hanno sequestrato un fucile e denunciato un uomo che lo aveva ceduto a un’altra persona senza darne comunicazione all’autorità di pubblica sicurezza, oltre ad aver ritirato cautelativamente due pistole e tre carabine a un italiano di 29 anni, titolare di porto d’armi per uso sportivo in via di rinnovo, che aveva posto in essere comportamenti persecutori e minacciosi nei confronti della sua ex convivente e del suo attuale compagno. Nei confronti del 29enne è stato inoltre avviato il procedimento amministrativo per il diniego del rinnovo del porto d’armi uso sportivo e richiesto alla locale Prefettura l’emissione del provvedimento di divieto di detenzioni armi.

Sono solo le ultime operazioni di un’attività che nel corso del 2020 ha portato a 9 denunce per reati in materia di armi, a 11 proposte di divieto di detenzione armi alla Prefettura, oltre a 26 revoche o dinieghi di rinnovi licenze di porto d’armi per uso caccia o sportivo (e altri 33 procedimenti avviati per gli stessi motivi). La Polizia Amministrativa ha inoltre ritirato cautelativamente 14 pistole, 144 fucili e 3.201 munizioni.

E’ bene ricordare che, nel nostro ordinamento, l’autorizzazione alla detenzione delle armi deve considerarsi eccezionale e le esigenze di incolumità di tutti i cittadini sono prevalenti e prioritarie, per cui la richiesta di porto d’armi può essere soddisfatta solo nell’ipotesi che non sussista alcun pericolo che il soggetto possa abusarne. L’interessato deve essere esente da alterazioni psicofisiche e non deve aver riportato condanne alla reclusione per delitti non colposi contro le persone commessi con violenza, ovvero per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, condanna a pena restrittiva della libertà personale per violenza o resistenza all’autorità o per delitti contro la personalità dello Stato o contro l’ordine pubblico, condanna per diserzione in tempo di guerra, anche se amnistiato, o per porto abusivo di armi.

Pertanto, la revoca o il diniego dell’autorizzazione possono essere adottate sulla base di un giudizio ampiamente discrezionale circa la prevedibilità dell’abuso dell’autorizzazione stessa, potendo assumere rilevanza anche fatti isolati, ma significativi, e potendo l’Amministrazione valorizzare nella loro oggettività sia fatti di reato diversi, sia vicende e situazioni personali del soggetto che non assumano rilevanza penale, concretamente avvenuti, anche non attinenti alla materia delle armi, da cui si possa desumere la non completa affidabilità all’uso delle stesse.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com