Attualità
31 Luglio 2020
Gli avvocati di Konsumer: "Devono inviare immediatamente una lettera di costituzione in mora a Dentix e avviare al più presto una causa di risoluzione del contratto"

Caso Dentix: i clienti hanno ancora la possibilità di recuperare le rate versate alle finanziarie

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Anche senza gli spazi la Resistenza continua

Il Centro Sociale La Resistenza resta ancora senza una sede, ma nonostante questo, il 25 aprile per la giornata della Liberazione nazionale dal nazifascismo, invita tutta la cittadinanza a un doppio appuntamento

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a scuola

Nei giorni scorsi, presso l’Istituto Tecnico Economico “Vittorio Bachelet” di Ferrara, si è svolto un incontro formativo organizzato dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Ufficio delle dogane di Ferrara

I fatti sono ormai noti. Una catena odontoiatrica, Dentix, non ha riaperto i battenti dopo aver sospeso l’attività durante l’emergenza Covid-19, e tanti clienti si trovano a non poter più ricevere cure dopo essere stati indotti dalla stessa Dentix a concludere contratti di finanziamento con diverse società finanziarie. Contratti sulla base dei quali i consumatori hanno ottenuto le somme necessarie per le loro cure dentistiche.

Arrivati a questo punto occorre evitare che chi ha ottenuto finanziamenti debba restituire quanto è stato versato a Dentix e chi ha già pagato, senza ricevere cure, possa ottenere il rimborso delle rate.

Secondo gli avvocati Giovanni Franchi – presidente della Regione Emilia Romagna di Konsumer Italia – e Emilio Ricci – delegato Konsumer Italia per la Provincia di Ferrara – la soluzione viene fornita dall’art. 125-quinquies del Tub (Testo Unico Bancario), ai sensi del quale «Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore dei beni o dei servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ricorrono le condizioni di cui all’articolo 1455 del codice civile. La risoluzione del contratto di credito comporta l’obbligo del finanziatore di rimborsare al consumatore le rate già pagate, nonché ogni altro onere eventualmente applicato. La risoluzione del contratto di credito non comporta l’obbligo del consumatore di rimborsare al finanziatore l’importo che sia stato già versato al fornitore dei beni o dei servizi. Il finanziatore ha il diritto di ripetere detto importo nei confronti del fornitore stesso».

Per tali disposizioni occorre quindi chiedere la risoluzione del contratto con Dentix, dalla quale discenderà il venir meno di obblighi restitutori alle finanziarie e l’obbligo di queste ultime di rimborsare le rate eventualmente già pagate.

“Indubitabile, infatti – dicono gli avvocati – che l’inadempimento, come richiesto dall’art. 1455 c.c., non sia di scarsa importanza. È, peraltro, necessario inviare immediatamente la costituzione in mora a Dentix e tutti gli uffici di Konsumer sono a disposizione dei consumatori interessati per provvedere all’incombente”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com