Attualità
19 Maggio 2020
Il coordinatore del circolo ferrarese Oxilia: “Il Comune di Ferrara asseconda un capriccio”

L’Uaar contro la donazione di Dpi ad Arcidiocesi e comunità ebraica

di Redazione | 2 min

Leggi anche

La marcia dei 1.500 per dire no al Cpr

Ferrara dice ancora no con forza ai Cpr, e questa volta ha deciso di farlo con la voce di più di 1.500 persone che nel corteo di sabato pomeriggio (2 marzo) hanno preso parte alla manifestazione che ha riunito decine di forze, politiche e non, verso un'unica direzione: chiudere i dieci Cpr presenti in Italia e fare in modo che mai ne sia aperto uno a Ferrara

Incidenti stradali, 118 e vigili del fuoco fanno gioco di squadra

Gli operatori del 118 e i vigili del fuoco di Ferrara scendono in campo per le attività di soccorso in caso di incidente stradale. Un impegno quotidiano e di vitale importanza che ora si rafforza per consolidare e implementare le competenze professionali

Il liceo Ariosto celebra Giorgio Bassani

Nei giorni 4 e 6 marzo, presso l'atrio Bassani e la sala di lettura della sede del liceo “L. Ariosto”, si celebrerà la ventiduesima edizione della Giornata Bassani, incentrata sul tema Giorgio Bassani: una “passeggiata” tra realtà e finzione

Alla sezione ferrarese dell’Uaar, l’Unione degli atei, agnostici e razionalisti, non piace la donazione di dispositivi di protezione individuale fatta dal Comune all’Arcidiocesi e alla comunità ebraica locali.

“Partendo dal fatto che risulti non equo che solo una fetta di fedeli possa ricevere un trattamento di favore (cattolici ed ebrei), il problema principale risiede nella scelta di donare mezzi di protezione attualmente di difficile reperibilità ad ambienti religiosi quando gli stessi forse erano una priorità assoluta negli ambienti sanitari”, spiega l’associazione.

“In un momento in cui vi è carenza di Dpi, il Comune di Ferrara ha deciso di donare mascherine all’Arcidiocesi di Ferrara e alla comunità ebraica locale dimostrando di non saper valutare le priorità e compensando le assurde richiesta della Chiesa di poter svolgere, nonostante il momento emergenziale, le funzioni religiose”, commenta Gregorio Oxilia, coordinatore del circolo Uaar di Ferrara.

“Le funzioni religiose – prosegue Oxilia – ricadono sotto la voce ‘assembramenti’ e presentano, come ha riconosciuto il Comitato tecnico-scientifico, ‘criticità ineliminabili’, tra cui il fatto che i fedeli sono quasi tutti anziani. A noi sembra voler assecondare un capriccio, dato che l’assenza momentanea delle funzioni religiose non impedisce a nessuno di continuare a vivere la propria spiritualità e religiosità. Per quanto la libertà religiosa sia da tutelare, penso che la salute pubblica venga prima di tutto – conclude Oxilia -. Come al solito, la scelta di pochi avrà ripercussioni su tutti”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com