Attualità
9 Dicembre 2019
Tanti volontari di tutte le età hanno partecipato all’azione di piantumazione in via Gramicia per creare una Ferrara sempre più verde

Sessanta alberi per formare la ‘green belt’ estense

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Strage via d’Amelio. Le Agende Rosse ferraresi: “Vogliamo verità”

L’associazione Agende Rosse di Ferrara “Emanuela Setti Carraro” anche quest’anno si è ritrovata sotto il Volto del Cavallo per commemorare le vittime di questo eccidio e per chiedere verità. Con un certo rammarico di chi si è fermato per osservare un minuto di silenzio, allo scoccare del 58esimo minuto, è stato constatare l’assenza di un rappresentante delle istituzioni

Colture più sostenibili e di qualità. Si può con SuperIrri

Ottimizzare l’uso delle risorse idriche riducendo la quantità di acqua utilizzata per la coltivazione del prato stabile e del riso - due delle principali colture tipiche della regione Emilia-Romagna - attraverso l’introduzione di tecnologie avanzate di irrigazione, come le paratoie automatizzate e la sensoristica smart, per rispondere alle necessità di sostenibilità e qualità di questi prodotti agricoli tipici del nostro territorio, con un risparmio di 3.146 metri cubi all'ettaro per il prato e di 1.189 metri cubi all'ettaro per il riso

di Matteo Bellinazzi

C’è chi l’8 dicembre fa l’albero di Natale e c’è chi invece lo pianta. Questa è stata la decisione di molti volontari che hanno scelto di passare il loro pomeriggio del giorno dell’immacolata partecipando all’iniziativa “Riforesta Fe”, organizzata dalle associazioni Fridays For Future Ferrara, insieme a Teachers For Future, Parents For Future e La Voce degli Alberi, che per la terza domenica di fila prosegue nella sua opera di rinvigorimento del verde cittadino.

Dalle ore 15 un folto gruppo di volontari e di membri delle varie associazioni si sono radunati presso via Gramicia, poco prima dell’ingresso del campeggio comunale, all’altezza della ciclabile che collega il Cus a Malborghetto, per proseguire l’opera di piantumazione di alberi, già iniziata i precedenti week-end.

Nel corso della giornata sono stati piantati 63 alberi tra querce, olmi, tassi, bagolari, frassini, tigli, carpini e sorbi. Tutte piante autoctone donate da vivai (Garden Arcobaleno, Zerbini), dal Centro Idea (che ha contribuito con una quindicina di alberi) e da privati, che andranno a formare il corridoio verde di circa un chilometro che dia refrigerio e protezione secondo i principi di ‘green belt’, una norma che regola il controllo dello sviluppo urbano.

“L’idea – spiega Marco Falciano di Fridays For Future – è che debba essere mantenuta, attorno ai centri abitati, una fascia verde occupata da boschi, terreni coltivati e luoghi di svago all’aria aperta. Lo scopo fondamentale di una cintura verde è impedire la scomposta proliferazione di costruzioni che vadano ad inquinare questo spazio di rispetto”.

L’iniziativa ha potuto prendere vita grazie consulenza dei Tree Climbers e i permessi dati dall’Ufficio Verde e dall’assessorato ambiente del Comune che ha contribuito donando fondi e terriccio.

“Questo vuole essere il punto di partenza per tanti altri progetti – specifica Falciano – siamo lieti di vedere tanta disponibilità e partecipazione da parte dei cittadini che hanno dato una risposta costruttiva a quest’idea, costituendo un gruppo eterogeneo di persone di tutte le età, dalle famiglie con bambini, agli anziani e ai ragazzi, tutti con l’obiettivo di ritrovare il contatto diretto con la natura”.

Il progetto punta sempre di più anche al coinvolgimento delle scuole. “Da giugno – dichiara Noemi Urbinati di Teachers For Future – stanno partendo diverse azioni collegate tra loro per far partecipare le scuole, soprattutto superiori, con l’idea di espandere la cosa anche alle medie e alle elementari per abituare i bambini al contatto con le piante e far capire loro l’importanza che hanno per l’ambiente”.

Tutti questi sforzi sono volti a consolidare una sinergia tra i vari gruppi uniti da obiettivi ambientalisti per ridare a Ferrara un nuovo cuore verde pulsante.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com