Attualità
17 Settembre 2019
Spettacolo di Gianna Coletti e Camilla Ghedini, organizzato da Legacoop in Sala Estense. Con la partecipazione di Mina Welby

Interruzioni, in scena testamento biologico e diritti nel fine vita

di Redazione | 3 min

Leggi anche

La piena del Po transita nel Ferrarese, allerta della Protezione civile

Il maltempo e le precipitazioni diffuse di questi giorni in Emilia Romagna non consentono ancora di abbassare la guardia sul livello dei fiumi. E' per questo che la Protezione civile dell'Emilia-Romagna ha emesso un'allerta che riguarda anche la nostra provincia per il 2 marzo

Carabiniere picchiato in Gad. Il raid per gelosia

Sono un padre, 46enne di nazionalità macedone, e suo figlio di 22 anni gli autori dell'aggressione ai danni del carabiniere del Norm di Ferrara che, nel pomeriggio di giovedì 29 febbraio, mentre si trovava fuori servizio, è stato picchiato in via monsignor Luigi Maverna, zona in cui ha sede l'Agenzia delle Entrate, dietro la stazione ferroviaria, in Gad

Cpr, il Ministero non smentisce la costruzione a Ferrara

Il Ministero dell’Interno non conferma quanto detto dal senatore Alberto Balboni sul passo indietro in merito alla costruzione di Centro di permanenza per i rimpatri a Ferrara. A mettere in imbarazzo la maggioranza è lo stesso sottosegretario del Viminale, Emanuele Prisco, in quota Fratelli d’Italia

Avvelenò la madre col tè. La Corte d’Assise dispone un’altra perizia

La Corte d'Assise del tribunale di Ferrara ha disposto una nuova perizia psichiatrica su Sara Corcione, la 39enne accusata di omicidio premeditato aggravato dal vincolo di parentela per aver assassinato sua mamma, la 64enne Sonia Diolaiti, avvelenandola nel suo appartamento di via Ortigara

Testamento biologico, diritti nella gestione del fine vita, comunicazione tra i famigliari, le parole del congedo: questi i temi che affronta Interruzioni, spettacolo teatrale ispirato all’omonimo libro (Giraldi Editore) della giornalista ferrarese Camilla Ghedini e portato in scena con profondità e ironia da Gianna Coletti.

Dopo il successo del debutto a Milano dello scorso novembre, Interruzioni arriva a Ferrara venerdì 20 settembre alle ore 21:00 alla Sala Estense. L’iniziativa è promossa e organizzata da Legacoop Estense e Associazione Paolo Mandini in collaborazione con Fondazione ADO, a cui sarà devoluto il ricavo della serata. Sarà presente anche Mina Welby, che ha firmato l’introduzione al libro e concesso allo spettacolo il patrocinio dell’Associazione Luca Coscioni, di cui è co-presidente.

«Insieme all’Associazione Paolo Mandini, nata in seno a Legacoop sulla scia del format dell’evento Ad Alta Voce promosso lo scorso anno da Coop Alleanza 3.0, abbiamo voluto promuovere un’iniziativa che ci parlasse di diritti – afferma il presidente di Legacoop Estense Andrea Benini –. Con Interruzioni, oltre a valorizzare un’autrice ferrarese, vogliamo fare luce su temi complessi e delicati che, come cittadini, riguardano tutti. Avremo il piacere di avere nostra ospite anche Mina Welby: la toccante lettera del marito Piergiorgio al presidente Napolitano segna uno dei passaggi fondamentali dell’autodeterminazione nel nostro Paese, e sarà ripercorsa nello spettacolo».

Interruzioni porta in scena la storia di una figlia che spiega alla madre perché sceglie di morire. Un testo scritto prima dell’approvazione della legge sul Testamento Biologico. «Oltre la legge – afferma l’autrice Camilla Ghedini – quello che serve è fare comunicazione e prendersi cura della relazione famigliare. La morte, di cui nella nostra società si parla troppo poco, resta a chi resta, per questo è importante scegliere le parole per salutarsi. Questo testo vuole essere un inno alla vita, vissuta nella sua completezza e con attenzione alle parole, che possono ferire o lenire».

Al termine spettacolo è previsto un breve dibattito, con l’introduzione del presidente di Legacoop Estense Andrea Benini. A dialogare insieme a Mina Welby sui temi delle cure palliative, della relazione tra e con i famigliari nel delicato momento del fine vita, della dignità e dei diritti nella terminalità saranno: il Prof. Luigi Grassi, docente di Psichiatria Unife e Presidente della Società Italiana Psichiatria di Consultazione; il dott. Luigi Bruno, direttore medico di Fondazione Ado; Milena Maltoni di Cidas, cooperativa sociale che, attraverso la gestione di Case Residenza Anziani e servizi domiciliari, svolge un ruolo primario di affiancamento e supporto alle famiglie anche nel delicato momento del fine vita. Porteranno il loro contributo anche Gianna Coletti e Camilla Ghedini.

«Un ringraziamento a Legacoop e a Camilla Ghedini per aver voluto il nostro coinvolgimento in questa iniziativa – commenta in conclusione Sabina Mirabella di Fondazione Ado –. La perdita di un figlio è spesso vissuta come una cosa innaturale ma, come vediamo all’interno del nostro servizio, è purtroppo frequente. Le parole di questo spettacolo aiutano a confrontarsi con un dolore così difficile da gestire».

L’ingresso è ad offerta libera, con contributo minimo di 10 €. Biglietti acquistabili la sera stessa alla Sala Estense.

È disponibile anche la prevendita presso l’Hospice di via Veneziani 54 e l’ufficio ADO di via Ripagrande 13, aperto mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30.

È possibile inoltre riservare i biglietti in anticipo via mail o telefono (0532 977531; ufficio.iniziative@adohtf.it) e ritirarli direttamente presso la Sala Estense il giorno dello spettacolo, a partire dalle ore 20.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com