Attualità
13 Settembre 2019
Sarà presente anche Mina Welby, che ha concesso il patrocinio dell’Associazione Coscioni

Testamento biologico e fine vita nello spettacolo Interruzioni

di Redazione | 1 min

Leggi anche

La Rivana sarà il quartiere del circo

La Rivana sarà al centro della riqualificazione, rigenerazione e messa in sicurezza per ospitare gli operatori dello spettacolo viaggiante, storicamente attivi e presenti da generazioni a Ferrara

“Non ci casco”. Informare per tutelare

Informare è la prima forma di tutela. Continua, all'interno delle contrade del Palio, il giro di illustrazione della campagna 'Non Ci Casco', realizzata dall'assessorato alle politiche sociali del Comune di Ferrara per fornire alla cittadinanza gli strumenti per difendersi da truffe e raggiri, fenomeni ai quali sono maggiormente esposti gli anziani

Cure palliative, oltre 16mila pazienti presi in carico in un anno

In aumento in Emilia-Romagna il numero di cure palliative (anche pediatriche) a favore dei pazienti assistiti da almeno un nodo della rete nell’anno attraverso le cure palliative domiciliari, hospice (23 strutture con oltre 300 posti a disposizione), ambulatori e ospedali

Testamento biologico, diritti nella gestione del fine vita, comunicazione tra i famigliari, le parole del congedo: questi i temi che affronta Interruzioni, spettacolo teatrale ispirato all’omonimo libro (Giraldi Editore) della giornalista ferrarese Camilla Ghedini e portato in scena da Gianna Coletti.
Dopo il successo del debutto a Milano dello scorso novembre, Interruzioni arriva a Ferrara venerdì 20 settembre alle ore 21 alla Sala Estense. L’iniziativa è promossa e organizzata da Legacoop Estense e Associazione Paolo Mandini in collaborazione con Fondazione Ado, a cui sarà devoluto il ricavo della serata.

Sarà presente anche Mina Welby, che ha firmato l’introduzione al libro e concesso allo spettacolo il patrocinio dell’Associazione Luca Coscioni, di cui è co-presidente.
Al termine dello spettacolo è previsto un breve dibattito, con l’introduzione del presidente di Legacoop Estense Andrea Benini e gli interventi di Ado, Associazione Paolo Mandini, cooperativa sociale Cidas, Luigi Grassi (docente di Psichiatria Unife e presidente della Società Italiana Psichiatria di Consultazione).
L’ingresso è ad offerta libera, con contributo minimo di 10 euro. La prevendita è disponibile presso l’Hospice di via Veneziani 54 e l’ufficio Ado di via Ripagrande 13 E.

È possibile inoltre riservare i biglietti in anticipo via mail o telefono (0532 977531; ufficio.iniziative@adohtf.it) e ritirarli direttamente presso la Sala Estense il giorno dello spettacolo, a partire dalle ore 20. In caso restino posti disponibili, sarà inoltre possibile l’acquisto direttamente in loco.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com