Politica
21 Maggio 2019
La senatrice ferrarese mette in discussione gli indicatori scelti dal Sole 24 Ore che assegnano a Ferrara la maglia nera

Salute, Boldrini (Pd): “Dati su Ferrara parziali, allarmismo dannoso”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Cpr, il Ministero non smentisce la costruzione a Ferrara

Il Ministero dell’Interno non conferma quanto detto dal senatore Alberto Balboni sul passo indietro in merito alla costruzione di Centro di permanenza per i rimpatri a Ferrara. A mettere in imbarazzo la maggioranza è lo stesso sottosegretario del Viminale, Emanuele Prisco, in quota Fratelli d’Italia

Darsena, poco da festeggiare

Oggi verrà inaugurata la fine degli infiniti lavori in via Darsena. Ma fermi un attimo, prima di scatenare il tripudio e la gioia, riflettiamo su cosa effettivamente stiamo celebrando. Questo progetto è frutto dell'opera dell'amministrazione precedente, datata 2016. E non dimentichiamoci dei 18 milioni di finanziamento ottenuti nel 2018

Rimborso contenzioso con Lageder. Nanni: “Si utilizzi per l’edilizia popolare”

Grazie alla vittoria del contenzioso con la famiglia Lageder, sancito dalla Corte d'Appello di Bologna lo scorso due febbraio il comune di Ferrara dovrà riceve un rimborso da oltre un milione di euro. E così, il consigliere Davide Nanni (Pd), si chiede se non sia il caso di destinarli a "interventi di recupero e manutenzione di alloggi popolari nel nostro territorio comunale"

La classifica sull’Indice della Salute pubblicata dal Sole 24 Ore, «oltre ad essere impietosa per Ferrara, rischia di generare un allarmismo dannoso. Gli indicatori presi a riferimento sono parziali, non automaticamente collegabili tra loro e inducono a una lettura diversa da quella reale. E non tengono conto di normative che impongono indicatori. Col rischio, purtroppo, di generare insicurezza nei cittadini».

E’ lapidaria Paola Boldrini, capogruppo Pd alla Commissione Sanità del Senato, sulla fotografia scattata dal quotidiano. La classifica consegna a Ferrara la maglia nera – agli ultimi posti su tutti i fronti – su speranza di vita, utilizzo farmaci, incidenza infarto, mortalità per tumore.

Boldrini, prima firmataria del Ddl da poco divenuto legge, che istituisce la rete nazionale dei Registri dei Tumori «inglobando così quelli regionali già esistenti»  e che una volta attuato a livello nazionale consentirà di disporre di informazioni sulla base di una suddivisione anagrafica, di genere, territoriale e per trattamenti effettuati, oltre che di misurare l’impatto dell’inquinamento ambientale sull’incidenza di patologie oncologiche, invita alla «prudenza».

E mette in discussione gli indicatori scelti dal Sole – dal tasso di mortalità alla recettività ed emigrazione ospedaliera, passando per l’aumento della speranza di vita e l’uso dei farmaci – che parla per primo di dati non esaustivi. «Confido – il commento di Boldrini – che col Registro dei Tumori si possa passare dalle interpretazioni ai fatti, tenendo conto delle specificità territoriali, anche in termini di popolazione. E confido che la stessa prassi la si utilizzi per altre patologie. Ad oggi, rilevo il risultato ingeneroso, viziato e in quanto tale pericoloso».

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com