Attualità
21 Maggio 2019
I sindacati della scuola: “È stato punito l’intero sistema scolastico nella sua libertà di educare e istruire”

Presidio in piazza per la prof sospesa

di Redazione | 2 min

Leggi anche

La Rivana sarà il quartiere del circo

La Rivana sarà al centro della riqualificazione, rigenerazione e messa in sicurezza per ospitare gli operatori dello spettacolo viaggiante, storicamente attivi e presenti da generazioni a Ferrara

“Non ci casco”. Informare per tutelare

Informare è la prima forma di tutela. Continua, all'interno delle contrade del Palio, il giro di illustrazione della campagna 'Non Ci Casco', realizzata dall'assessorato alle politiche sociali del Comune di Ferrara per fornire alla cittadinanza gli strumenti per difendersi da truffe e raggiri, fenomeni ai quali sono maggiormente esposti gli anziani

Cure palliative, oltre 16mila pazienti presi in carico in un anno

In aumento in Emilia-Romagna il numero di cure palliative (anche pediatriche) a favore dei pazienti assistiti da almeno un nodo della rete nell’anno attraverso le cure palliative domiciliari, hospice (23 strutture con oltre 300 posti a disposizione), ambulatori e ospedali

Le organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda e Snals organizzano per venerdì 24, alle ore 16.30, un presidio di tutto il personale della scuola in Piazza Municipale a Ferrara.

Quella dei sindacati della scuola è una delle tantissime iniziative che stanno nascendo in queste ore nelle scuole, come lettere di solidarietà, ordini del giorno nati da collegi docenti, lettura degli articoli 21 e 33 della Costituzione all’interno delle classi.

È il modo di esprimere “solidarietà e vicinanza per ciò che è costretta a subire in queste ore e in questi giorni, la professoressa Rosa Maria Dell’Aria la docente ingiustamente sospesa dal lavoro”.

“Per dirle che non è sola – scrivono Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda e Snals -, e che il suo caso diventa il nostro caso, non solo per effetto di una facile indignazione, ma perché attraverso la punizione che è stata inflitta a lei e ai suoi studenti (ai quali, siamo certi, lei mancherà moltissimo), è stato punito l’intero sistema scolastico, nella sua libertà di educare e istruire, nella sua autonomia di pensiero, nella sua capacità di insegnare la realtà del mondo. È stata colpita tutta la comunità scolastica, non solo quella dell’istituto di Palermo. Il messaggio è chiaro, e noi lo demoliremo. Insieme”.

I sindacati vogliono “sensibilizzare e coinvolgere tutti i cittadini sull’importanza di un’istruzione senza censure e condizionamenti. La libertà di insegnamento è un bene fondamentale indispensabile in ogni società democratica. I fatti che riguardano la professoressa Dell’Aria sono il sintomo di una pericolosa tendenza della politica a invadere e condizionare gli spazi in cui si esercitano l’azione didattica e l’autonomia delle istituzioni scolastiche”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com