"Diventa quello che sei"
17 Giugno 2018

Io non ho paura di voi alunni e dei vostri genitori

di Francesca Boari | 3 min

Leggi anche

Imbarcazione da diporto a fuoco tra Portogaribaldi e Lido degli Estensi

Un'imbarcazione tra Portogaribaldi e il Lido degli Estensi è andata fuoco proprio all'imboccatura del porto canale intorno alle 10 di questa mattina, domenica 14 luglio. Molti bagnanti da tutto il litorale hanno visto il fumo alzarsi mentre le operazioni di spegnimento delle fiamme sono state condotte dalla Guardia Costiere e dai Vigili del Fuoco

Bonaccini firma le dimissioni. Irene Priolo ne assume le funzioni

Questa mattina il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha firmato la lettera di dimissioni e le ha comunicate alla presidente dell’Assemblea Legislativa, Emma Petitti. Decade anche la giunta e viene sciolta l'assemblea legislativa che rimangono in carica per gli affari ordinari fino alle elezioni

Salvataggio Tecopress. Assunzioni per cinquanta operai

Prosegue il percorso di salvataggio e rilancio della Tecopress di Dosso di Sant'Agostino: il 5 luglio scorso è nata formalmente SirTec, la NewCo di Sira Industrie della famiglia Gruppioni, che ha confermato il via libera all'operazione

“Prima una forte frenata, poi il botto e le fiamme”

"Ho sentito prima una frenata importante e poi un grande botto". Sono circa le 23 di domenica 7 luglio quando Paolo Bertelli, titolare del gastropub Il Covo di via Picelli, esce dal suo locale e corre a prestare i primi soccorsi agli automobilisti coinvolti nello spaventoso incidente mortale avvenuto lungo via Padova, in cui ha perso la vita la 46enne ferrarese Anna Lisa Chiossi.

Ilaria Cucchi: “Sessisti e ipocriti. Il doppio becero volto della Lega di Ferrara”

"Ci sono frasi che sono come schiaffi". Lo scrive nei manifesti contro la violenza di genere la Regione Emilia Romagna in un cartello rosso sotto la scritta putt*na. Lo scrive anche Ilaria Cucchi in un post nel quale racconta di aver ricevuto uno di questi schiaffi, uno schiaffo "forte e squallido" che le è arrivato "dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri

Io non ho paura. Seppure immersa fino in fondo in una realtà sociale che ha perso completamente di vista i ruoli fino ad annichilirli, io non ho paura.

Io non ho paura di voi con cui trascorro il tempo della vita da più di un quarto di secolo. Non avevo paura ieri e non ne ho nemmeno oggi. Se solo per un momento dovessi essere invasa da questo sentire, sarebbe quello il giorno in cui abbandono la cattedra. Non ho paura nemmeno dei vostri genitori, non l’ avevo ieri e non ce l’ho nemmeno oggi. Certo è che sgomenta questo clima in cui più che di scuola sembra che si parli di una vera e propria guerra dove non si conosce bene quali siano le parti in gioco. Per cosa si combatte? Cause evidenti, più o meno, generano le guerre. Cosa si vuole raggiungere? Ossia chi vincerà questa guerra avrà alla fine ottenuto che cosa?

Io vedo innanzi a me, non me ne vogliano gli adulti, individui smarriti, mossi solo da un impulso non filtrato di difesa della prole. Strangolare un docente perché responsabile della bocciatura del figlio traduce uno scenario dove è la violenza a prevalere sul buon senso. I vostri figli vi guardano e un domani ripeteranno i vostri gesti pensando di essere nel giusto. Nuovi studi di neurobiologia ci dicono che nell’adolescente l’area adibita all’inibizione della emotività e della pulsione, cioè la corteccia prefrontale, si trova ancora in una fase di immaturità. In altre parole non hanno ancora introiettato il senso del limite e faticano a gestire l’emersione delle pulsioni. Impedendogli l’elaborazione dei successi così come dei fallimenti, gli adulti contribuiscono alla loro infelicità.

 Ed eccomi a voi, e a questo punto occorre una riflessione più approfondita. Credo che siate adolescenti pronti al salto, con una potenza creatrice di nuovo senso che non trova spazi in cui emergere. Non li trova perché questo conflitto con la generazione dei padri non è concesso. Non sa bene chi sia l’avversario, non sa quale sia il sacro “tu devi” da abbattere. Non gli viene dato lo spazio giusto per le emozioni, sempre di più quel desiderio che si muove in questa fase della vita in tutta la sua forza, viene arrestato ed impedito. Evitate le delusioni entrando senza ragione nella parte della vittima e facendovi riconoscere come tali. Perdenti dunque? No, implosi ed infelici. Perché assecondare le emozioni, tutte le emozioni, è l’unico modo per imparare lentamente a gestirle e diventare domani adulti consapevoli. La vostra rabbia assomiglia a quella dell’animale a cui viene sottratto l’osso ma poi se lo dimentica non appena gli viene restituito. Prendere un bel voto in sé ha poco significato. Essere promossi alla classe successiva altrettanto. Il significato sta in quello che precede questi esiti. Identificare negli adulti dei difensori oltre misura della specie fa di voi dei piccoli uomini tristi. Manca quel passaggio necessario dalla pulsione alla coscienza della vita. Vi mancherà sempre. E’ una sottrazione a cui solo voi potete ribellarvi.

Perciò vi dico di assumere su di voi la vita, di odiare se volete il professore o la professoressa che vi ha negato qualcosa che credevate di meritare, ma di farlo da soli, nella vostra sacra intimità e di tenere a distanza chiunque tenti di negarvi il diritto agli odori della vita.

Per quanto mi riguarda io altro non mi sento che “ una ringhiera vicino al torrente: si aggrappi chi può! Ma io non sono la vostra stampella”

( F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra, cit. p.39, ed. Adelphi)

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com