Politica
30 Aprile 2018
Ennesima interpellanza del consigliere di opposizione per conoscere l'esatta collocazione: "Forniscono il numero di telecamere ma non i numeri civici"

Rendine e il “mistero” delle telecamere di sorveglianza

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Alloggi Erp, il Pd fa confusione

Rispetto ai dati enucleati in consiglio comunale dal capogruppo Pd, secondo le verifiche effettuate da Estense.com la realtà è diversa. Certo, quei dati sono veri e la fonte è sicuramente l’Azienda Casa, ma nel renderli pubblici è stata fatta confusione

La Rete per la Pace in piazza per dire ‘no’ alla guerra

Tantissima gente nella mattinata di sabato si è radunata in Piazza Cattedrale per dire basta alla guerra e al riarmo. Nella Giornata nazionale di mobilitazione nelle città italiane per il cessate il fuoco in Palestina e in Ucraina, e negli altri Paesi in situazioni di conflitto, la Rete Pace di Ferrara ha aderito all’iniziativa: il forte messaggio lanciato dagli intervenuti ha catturato l’attenzione della gente

Commercio. Il centro muore e il Comune pensa alle luminarie

Il centro di Ferrara si riempie di auto ma si svuota di negozi, la città è di fronte a “una crisi commerciale senza precedenti”, le presenze turistiche sono crollate e il Comune paga 800mila euro a una azienda di Bondeno per le luminarie. È in sintesi il contenuto dell’ultima interrogazione depositata in municipio da Anna Ferraresi

Nella sua interpellanza aveva chiesto di conoscere in quali vie, numeri civici e supporti fossero state installate le telecamere digitali di “rinforzo” delle aree del centro, della zona Gad e delle vie di accesso alla città già coperte da videosorveglianza. Ma è “la terza volta che a questa richiesta, formulata in termini diversi, non ho mai risposte esaustive”.

Il consigliere di opposizione Francesco Rendine (Gol) annuncia così, nell’ennesima interpellanza sull’argomento, di essere “in procinto di perdere la pazienza”. Questo perché nella risposta scritta dell’assessore Modonesi – che in realtà allega la risposta al quesito fornita dal comandante della Polizia Municipale Laura Trentini – invece dei numeri civici relativi all’installazione delle telecamere vengono forniti i numeri delle telecamere installate in ogni via.

Così si scopre che tra piazzale Stazione, piazza Castellina e corso Piave (nel cuore della Gad) sono presenti sei telecamere, nove in via Cassoli, due in via San Giacomo, via Fortezza, via Nazario Sauro, via della Costituzione, viale Orlando Furioso e sottopasso Stazione, altre due in piazza Trento Trieste e via discorrendo, per un totale di 16 collocazioni, oltre ad altre 20 telecamere distribuite nelle frazioni e nei quartieri cittadini collocate nell’ambito del progetto “controllo di vicinato”. Telecamere che, come precisa la comandante Trentini, sono state installate su vari supporti a seconda dei casi, cioé pali installati appositamente, pali della luce e semaforici, supporti a muro e strutture simili.

Dalla risposta allegata all’interpellanza, come riferisce Rendine nel nuovo documento indirizzato al sindaco Tagliani, è “evidente come il suo assessore o non sa fare a leggere correttamente oppure “al fa l’och pr’an pagar dazi”, in quanto nell’elenco spedito “emerge chiaramente come l’unico numero presente nella risposta sia quello delle apparecchiature presenti nelle vie”.

“Poiché l’assessore nel momento della risposta forse era semi-addormentato e ha confuso il numero civico col numero di apparecchiature – conclude Rendine – sono a riformulare la stessa richiesta”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com