Argenta
28 Marzo 2018
Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Un militare rimane ferito

Bracconiere minaccia la polizia provinciale e aggredisce i carabinieri

di Redazione | 1 min

Leggi anche

La fattoria di Longastrino diventa il simbolo della legalità

Una stalla di oltre duemila metri quadrati, quattro ettari di terreno, capannoni e casa colonica: la legalità passa anche dall’agricoltura. È la storia della fattoria di Longastrino. Un bene confiscato a un pluripregiudicato che oggi è segno di rinascita e che ha ospitato la visita sul territorio da parte della commissione Statuto dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna

“Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino”

"Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino". Sarebbe questa, secondo la Procura, una delle minacce di morte che un 51enne ferrarese, finito a processo con l'accusa di maltrattamenti, avrebbe pronunciato nei confronti di una donna di 54 anni, che all'epoca dei fatti abitava insieme a lui, costringendola a una quotidianità di umiliazioni e asservimenti che l'avevano portata a perdere ogni dignità personale, distrutta da un clima irrespirabile che ne aveva reso intollerabile la loro convivenza familiare

Rapina in villa a Corporeno. Cinque anni per uno degli assalitori

Cinque anni di reclusione, 2.500 euro di multa e 5.000 euro di provvisionale per ogni parte civile. È la pena che ieri (19 giugno) il collegio del tribunale di Ferrara ha inflitto a Ilir Musai, 47enne di nazionalità albanese, condannato per la tentata rapina con pistola ai danni di una famiglia di Corporeno

Anita. Per non essere identificato, è arrivato a minacciare gli agenti della polizia provinciale e ad aggredire con pugni e testate i carabinieri, ferendone uno. In manette un bracconiere di nazionalità marocchina –  Abdelkamal Nfiha, 31 anni, nullafacente e con precedenti specifici – arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

L’arresto è avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì, verso le 2, nella frazione di Anita di Argenta, dove la polizia provinciale ferrarese era impegnata in un servizio antibracconaggio.

La pattuglia ha accertato la commissione del reato da parte dello straniero, individuato da solo in zona rurale. Una volta raggiunto, gli agenti hanno proceduto all’identificazione ma il 31enne si è rifiutato categoricamente di fornire le proprie generalità, minacciandoli.

La polizia provinciale ha quindi richiesto l’intervento dei carabinieri della locale Stazione. Ma anche gli uomini dell’Arma, nel tentativo di identificare l’uomo, sono stati oggetto dapprima di minacce e, successivamente, anche del ripetuto tentativo di colpirli con pugni e testate.

Un militare ha evitato i colpi e, dopo essere riuscito a bloccare il reo, è caduto a terra riportando una lesione al braccio destro.

L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com