Comacchio
4 Agosto 2017
Materiale edile abbandonato nelle Dune della Puia, la denuncia di Legambiente

Scoperta una discarica abusiva nel Parco del Delta

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Terremoto Pd. Il segretario di Ferrara si dimette

Il segretario comunale del Partito democratico si è dimesso. Lo ha fatto alla prima occasione utile, quella dell’assemblea comunale che doveva fare i conti con la cocente sconfitta subita alle elezioni di giugno

Broker assicurativo a giudizio per truffa

La procura della Repubblica ha emesso il decreto di citazione a giudizio nei confronti del broker assicurativo Luca Stradiotto, 41 anni. L'uomo è accusato di truffa nei confronti di clienti che all'epoca curava per conto delle assicurazioni Generali (compagnia per la quale non lavora più dal 2020)

Esce con la tavola da sup e muore in mare

Tragedia nel tratto di mare tra Lido degli Estensi e Lido di Spina, dove - mercoledì 17 luglio - l'ex ristoratore 69enne Daniele Fochi è annegato, forse dopo aver accusato un malore, mentre stava praticando attività sportiva in acqua con la sua tavola da sup

San Giuseppe di Comacchio. Il circolo di Legambiente di Comacchio ha trovato una discarica abusiva di materiale edile nel Parco del Delta del Po.

Più precisamente, la scoperta è avvenuta martedì 1° agosto durante un’escursione alle Dune della Puia. Il materiale, composto da grossi rotoli, secondo l’associazione ambientalista è “probabilmente recuperato da una ristrutturazione di una mansarda o di un tetto”.

La discarica abusiva si trova in un campo aperto dell’area centrale della Puia, ai margini del bosco e delle dune caratteristiche dell’area. “Il trasporto del materiale – affermano da Legambiente – probabilmente, è stato fatto con un automezzo in dotazione alle tante imprese edili che svolgono ristrutturazioni al lido delle Nazioni oppure al lido di Pomposa-Scacchi. Probabilmente l’automezzo è entrato nell’area dall’accesso situato nell’incrocio della strada Acciaioli e strada dei Campeggi del Lido delle Nazioni”.

“È un atto grave – dicono gli ambientalisti – l’abbandono di materiale edile è sanzionato. Resta la rabbia verso questo tipo di reato perché esiste un ottimo servizio e disponibilità di Clara (ex Area) a ricevere gli inerti nei luoghi adatti (le stazioni ecologiche e centro di raccolta)”.

Legambiente ha chiesto al Parco e all’amministrazione comunale di attivarsi affinché vengano posti cartelli di divieto ed illustrativi e sbarre all’entrata delle aree tutelate .

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com