Cronaca
15 Marzo 2017
Affisse locandine per la liberazione dei macachi al polo biomedico e nella casa del 'vivisettore'

Blitz dei 100%Animalisti contro lo stabulario Unife

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Abusi all’asilo. Lo stagista arrestato confessa le violenze

Arrestato in flagranza dai carabinieri lo scorso gennaio con l'accusa di violenza sessuale e detenzione e accesso a materiale pedopornografico, lo stagista 21enne che svolgeva servizio civile in un asilo dell'Unione Valli e Delizie ha ammesso di aver abusato sessualmente di alcuni bambini dai tre ai cinque anni che frequentavano la scuola

Centauro morì contro la sua auto in divieto di sosta. Sarà processata

Andrà a processo la proprietaria dell'automobile posteggiata a bordo strada contro cui, lo scorso agosto, andò a sbattere in maniera fatale Alessio Maini, il motociclista 38enne di Porotto, morto in via Canonici dopo aver perso il controllo della moto su cui stava viaggiando in quel momento

“Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino”

"Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino". Sarebbe questa, secondo la Procura, una delle minacce di morte che un 51enne ferrarese, finito a processo con l'accusa di maltrattamenti, avrebbe pronunciato nei confronti di una donna di 54 anni, che all'epoca dei fatti abitava insieme a lui, costringendola a una quotidianità di umiliazioni e asservimenti che l'avevano portata a perdere ogni dignità personale, distrutta da un clima irrespirabile che ne aveva reso intollerabile la loro convivenza familiare

Perse la moglie per una diagnosi sbagliata. Il gip ordina nuove indagini

Il gip Carlo Negri ha respinto la richiesta di archiviazione e disposto nuovi approfondimenti sulla tragedia di Elisabetta Marcigliano, moglie di Mario Fornasari, ex direttore dell'edizione ferrarese del Resto del Carlino, morta il 20 luglio 2021, trentaquattro mesi dopo l'operazione all'ospedale di Cona, a causa della progressione di un sarcoma uterino

Ancora una protesta animalista contro lo stabulario Unife presso il polo biomedico. Questa volta sono entrati in azione i 100%Animalisti con il loro ‘tradizionale’ metodo: un blitz notturno con affissione di locandine adesive.

Il gesto è stato poi rivendicato sul sito dell’associazione, con una nota in cui viene sottolineata la sofferenza dei macachi destinati alla sperimentazione animale. “Questi poveri animali – scrive l’associazione – sono segregati 24 ore su 24 in nome di quella che alcuni chiamano ricerca, ma che in realtà è solo accanimento sadico su creature innocenti, con l’aggravante che in natura sono esseri che creano rapporti sociali tra di loro e vivono in gruppo ed essere chiusi da soli, in gabbie di 1 metro per 3, crea loro una sofferenza atroce”.

I 100%Animalisti rendono merito alle molte sigle animaliste ferraresi e non che nel tempo hanno contestato “la prigionia e la tortura dei poveri macachi” chiedendone a gran voce la liberazione. “Purtroppo ad oggi niente è cambiato – dicono – anzi la situazione sembra essere peggiorata”.

“Dopo aver reperito le poche, ma utili informazioni necessarie – riferiscono gli attivisti del movimento animalista – è scattato il primo blitz a cui ne seguiranno altri se i macachi non verranno liberati. Nella notte tra il 14 e 15 marzo, militanti del nostro movimento hanno affisso locandine adesive “cristalline” su muri e recinzioni del polo biomedico dell’università di Ferrara, ma soprattutto le hanno affisse sul portone d’ingresso dell’abitazione del maggior responsabile della prigionia dei Macachi, fonti dicono che si sia trasferito di recente, sul campanello però è ben visibile il suo nome e cognome, di fatto il risultato non cambia  per quel che ci riguarda. A buon intenditore poche parole. Ora basta! Macachi liberi senza compromessi”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com