Attualità
24 Gennaio 2017
In aumento le donazioni e i nuovi iscritti Admo: “Ferrara ha fatto la parte del leone”

Midollo osseo, l’orgoglio dei donatori: parlano i numeri

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Cpr, il Ministero non smentisce la costruzione a Ferrara

Il Ministero dell’Interno non conferma quanto detto dal senatore Alberto Balboni sul passo indietro in merito alla costruzione di Centro di permanenza per i rimpatri a Ferrara. A mettere in imbarazzo la maggioranza è lo stesso sottosegretario del Viminale, Emanuele Prisco, in quota Fratelli d’Italia

Avvelenò la madre col tè. La Corte d’Assise dispone un’altra perizia

La Corte d'Assise del tribunale di Ferrara ha disposto una nuova perizia psichiatrica su Sara Corcione, la 39enne accusata di omicidio premeditato aggravato dal vincolo di parentela per aver assassinato sua mamma, la 64enne Sonia Diolaiti, avvelenandola nel suo appartamento di via Ortigara

Mitraglietta rubata ai carabinieri. La cercano anche i sommozzatori

Altra giornata di ricerche senza esito per la mitraglietta M12 e le relative 170 munizioni rubate a una pattuglia dei carabinieri nella serata di lunedì 26 febbraio a San Nicolò, mentre i militari, impegnati a sedare una lite in famiglia, avevano lasciato il loro veicolo chiuso e in sosta a bordo strada

Sbattuta contro il finestrino e violentata. Una perizia per il suo aggressore

Ci sarà bisogno di una perizia psichiatrica per sapere se il 25enne italiano, accusato di violenza sessuale nei confronti di una ragazza, all'epoca dei fatti 13enne, era capace di intendere e di volere in quegli attimi in cui, mentre si trovavano entrambi a bordo di un treno regionale, lungo la linea Ferrara-Codigoro, lui l'avrebbe sbattuta contro il finestrino, strusciandosi contro di lei e mimando un rapporto sessuale

Emergenza nutrie, abbattuti oltre 44mila esemplari in un anno

Emergenza nutrie al centro del tavolo tecnico in prefettura a Ferrara che, nel pomeriggio di ieri, giovedì 29 febbraio, ha visto il prefetto Massimo Marchesiello e l'assessore regionale Alessio Mammi fare il punto della situazione sulle attività finalizzate all'eradicazione della specie alloctona infestante come previsto dal Piano Regionale di Controllo stabilito dal Dgr 546 del 19 aprile 2021 per il periodo 2021-2026

di Cecilia Gallotta

Sono 5.040 i nuovi potenziali donatori del 2016 in Emilia Romagna, dove solo Ferrara ne conta mille. A confermarlo è Rita Malavolta, presidente di federazione Admo che a livello regionale registra 31 donazioni rispetto alle 18 del 2015.

“Ferrara partiva da una situazione critica. Poi, in accordo con la Regione e con il dottor Eugenio Di Ruscio, abbiamo cominciato ad andare noi nelle scuole con i volontari Admo”. E’ con questa metodologia che nell’arco di due anni si è passati da 80 a 1064 donatori: l’opera di reclutamento ha permesso al Centro Donatori di Midollo di Ferrara l’invio di 27 campioni biologici ad altrettanti Centri Trapianto (16 italiani, 8 europei e 3 statunitensi), e 9 donazioni nel corso del 2016.

Sei dei 9 donatori, quasi tutti fra i 20 e i 26 anni, presenziano in conferenza dove ricevono un attestato e portano la loro testimonianza: “Non voglio sembrare superficiale ma per me è una cosa normale. Non fa male, non ha nessun tipo di conseguenza, è una cosa che tutti dovrebbero fare. Rispetto alla poca fatica che richiede, sembra quasi di non aver fatto un gesto così grande”.

Si tratta infatti di “salvare la vita a qualcuno – ci ricorda il dott. Antonio Cuneo – perché leucemia, ninfomi, mielomi e neurodisplasia sono tutte malattie che si possono curare con la semplice donazione di midollo osseo”. Il trapianto ‘allogenico’ (che non è cioè destinato ad un parente stretto, ndr) si effettua una sola volta nella vita, e si rimane a disposizione della persona a cui sarà destinato, nel caso (raro) che ne avesse bisogno una seconda. Diversamente per una parente stretto si può donare anche se si è già effettuata una donazione allogenica.

Il 2017 ha già fissate due donazioni, di cui una in Italia e una all’estero; risultato che si aggiunge alla convenzione con Unife (e che ha portato l’età quasi esclusivamente universitaria dei donatori) e al protocollo d’intesa con l’Università di Bologna. Per effettuare la donazione “non ci vuole per forza la sala operatoria”, perché una delle due modalità prevede la raccolta delle cellule staminali prelevate da sangue periferico; modalità che è stata applicata ad 8 dei 9 donatori presenti. In un caso è stato effettuato il prelievo direttamente da midollo osseo, ma “la scelta della modalità la dettano quasi sempre le condizioni del destinatario”.

Il profilo del donatore di midollo è similare a quello di sangue: buona salute, almeno 50 kg di peso e preferibilmente dai 18 ai 35 anni, fascia d’età in cui rientrano perfettamente i nuovi donatori 2016, ulteriore motivo di orgoglio del team Admo, “perché il trapianto di cellule staminali di persone giovani ha più probabilità di riuscita”.

Se sono infatti in crescita il numero di trapianti effettuati lo sono anche quelli avvenuti con successo, e questo “è conseguenza diretta dell’aumento dei donatori e cioè della disponibilità a trovare il donatore al momento giusto per effettuare il trapianto al momento giusto”. “Io ai ragazzi dico sempre che il nostro corpo è una piccola farmacia – racconta la referente provinciale di Admo Maria Teresa Grappa – una miniera d’oro che è un peccato lasciare inutilizzata per qualcuno che ne ha bisogno. Non so se il prossimo anno riusciremo a mantenere i numeri che abbiamo raggiunto; ma il motivo per cui ci battiamo è che non debba più esistere una persona che ha bisogno di un donatore e non lo trova. Per questo i numeri non bastano mai”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com