Attualità
10 Settembre 2016
I primi risultati del monitoraggio Arpae indicano la presenza eccessiva di glifosato, ma sono dati parziali

Troppo erbicida nelle acque, la Cia: “Attenzione sì, allarmismo no”

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Morì sul lavoro in Borgo Punta. Si attende l’udienza preliminare

Si attende la fissazione dell'udienza preliminare del processo per l'incidente mortale in cui perse la vita Miz Mohamed Fawzy Abdou, operaio edile 36enne di nazionalità egiziana, impegnato in un cantiere per la ristrutturazione col Superbonus 110% di un palazzo in via Borgo Punta, al civico 187

Sobbe (La Nena): “L’idrovia così com’è stata pensata non si farà mai”

"L'idrovia così com'è stata pensata non si farà mai, non sarà mai effettivamente funzionante e sfido chiunque a pensare che le navi di IV classe europee possano passare sotto il ponte di San Giorgio". A dirlo, durante la IV commissione presieduta da Tommaso Mantovani (M5S) è Georg Sobbe titolare de La Nena sas

unnamedI primi dati diffusi sui monitoraggi effettuati dall’Arpae (Agenzia regionale prevenzione, ambiente ed energia) Emilia – Romagna per misurare la quantità di glifosate e Ampa – il suo metabolita di degradazione – indicano chiaramente che sono presenti nella acque superficiali ferraresi e di tutta la regione in concentrazione superiore al limite consentito di 0,1 microgrammi/litro.

L’erbicida è da diversi anni al centro delle discussioni e dei provvedimenti dell’Unione Europea – che ne ha prorogato l’uso per il 2017 in attesa dei risultati di una ricerca per verificarne la pericolosità – e dei singoli stati che hanno potuto agire con una certa discrezionalità limitando l’uso del prodotto. Anche in Italia, con il Decreto del Ministero della Salute entrato in vigore il 22 agosto, l’uso dell’erbicida non è più consentito in agricoltura in fase pre-raccolta e in aree cosiddette vulnerabili dove potrebbe venir a contatto con bambini e anziani.

In attesa di ulteriori monitoraggi da parte dell’Arpae – i dati sono ancora parziali – la Confederazione Italiana Agricoltori di Ferrara, che ha accolto positivamente le limitazioni all’uso del glifosate, chiede attenzione ma nessuna forma di allarmismo.

«Negli ultimi mesi – spiega Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara – sia a livello regionale che nazionale si stanno facendo grandi passi avanti per la salvaguardia dell’ambiente e delle persone da potenziali rischi per la salute causati dal glifosate, seguendo quello che è il giusto principio di prevenzione. Per quello che riguarda i monitoraggi – continua Calderoni – dico, innanzitutto, che i tecnici dell’Arpae hanno chiesto cautela perché un monitoraggio deve durare almeno un anno per fornire dati significativi. Per quello che riguarda i risultati però, tranne in un singolo caso, i valori di glifosate riscontrati nel ferrarese sono da tenere sotto controllo ma non sono i peggiori della Regione. Considerando che si tratta di un’area, soprattutto quella a ridosso del Delta, dove confluiscono le acque di altre zone e la concentrazione degli inquinanti è il risultato di un’addizione che non ha spesso niente a che fare con i comportamenti delle aziende del territorio. Da diversi anni la nostra associazione ribadisce un concetto che voglio ripetere: gli agricoltori non sono dei pericolosi avvelenatori di acque, ma sono in prima linea nella tutela del territorio dove lavorano e vivono. Lo dimostra anche il fatto che le aziende biologiche a Ferrara sono in netto aumento rispetto agli anni scorsi: +27,2% sul 2015 e +39 % sul 2014 (dati della Regione Emilia – Romagna). Vola, dunque, il biologico e aumentano le domande per la produzione integrata, segno che non esiste una sfida agricoltura vs ambiente ma un’agricoltura che sarà sempre più in armonia con l’ambiente. Poi, ovviamente, gli agricoltori applicano i disciplinari e usano gli strumenti che hanno a disposizione per svolgere la loro attività e non possono e non devono essere colpevolizzati per questo.»

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com