Attualità
8 Luglio 2016
E’ la prima birra rosa naturale da aperitivo

La “biere en rose” debutta a Mangiafexpo

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Il lavoro silenzioso e instancabile degli operatori sociali

Il ruolo dei mediatori, educatori e accompagnatori è cruciale per favorire l'inserimento sociale e lavorativo dei migranti e rifugiati, offrendo loro strumenti e supporto concreto. Dall'altro lato, il loro lavoro si svolge spesso in condizioni di estrema difficoltà

Domenico Bedin non è più sacerdote

Domenico Bedin non è più sacerdote, lo rende noto lui stesso con una lettera inviata ai giornali nella quale fa sapere che "in data 1° giugno 2024 iI Santo Padre Francesco mi ha cocesso 'la dispensa dal celibato e dagli obblighi connessi alla Sacra Ordinazione'"

Ferrara Summer Festival. Spostato il mercato del venerdì

Nei venerdì 21 giugno, 28 giugno e 5 luglio alcuni banchi verranno spostati da piazza Trento Trieste, corso Martiri della Libertà, via San Romano e via Amendola per essere collocati in piazza Travaglio e via Bologna

L'archibirraio Feggi ed il sommelier Zanotti

L’archibirraio Feggi ed il sommelier Zanotti

“La Biere en Rose”, così l’hanno chiamata l’archibirraio Pier Luigi Feggi ed il sommelier Nicola Zanotti, è la nuova birra da aperitivo servita nello spazio del Pub e Beer Shop 2 Gobbi, al Mangiafexpo in piazza Trento e Trieste a Ferrara.

E’ la prima birra rosa naturale da aperitivo, leggera ma proteica, fatta con il grano biologico del Delta del Po. Una amarena è fatta scivolare nel bicchiere della blanche artigianale: si tratta della Duchessa Isabella, la blanche di Birra dei Diamanti, che viene servita al momento della mescita con una amarena Luxardo, l’antica azienda padovana che produce le migliori amarene sciroppate al mondo.

birra 1I sentori decisi del grano bio macinato a pietra nel Mulino Sima di Argenta, presenti prepotentemente nella birra, conferiscono il caratteristico gusto fresco ed acidulo alla blanche che si sposa con il flavour speziato della amarena veneta.

La Biere en rose attrae il pubblico giovane, le ragazze e soprattutto gli stranieri che si aggirano incuriositi tra gli stand del Mangiafexpo. La nuova creazione rosa è indicata per gli aperitivi e per i finger food in particolare, cioè quelle preparazioni che si prendono con le mani senza posate.

Ferrara si presenta ancora una volta come una fucina di idee birrarie di tendenza, per avvicinare il mondo delle birre artigianali al pubblico sempre più esigente dei turisti e degli amanti dei cocktail estivi smart. Una ‘vie en rose’ tutta ferrarese di fianco alla cattedrale di Ferrara.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com