Attualità
14 Maggio 2016
Lunedì 16 maggio nella sala Boldini di Ferrara la presentazione delle proposte agli amministratori di Ferrara

Ognuno di noi conta: gli studenti dicono la loro su ambiente e salute

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Strage via d’Amelio. Le Agende Rosse ferraresi: “Vogliamo verità”

L’associazione Agende Rosse di Ferrara “Emanuela Setti Carraro” anche quest’anno si è ritrovata sotto il Volto del Cavallo per commemorare le vittime di questo eccidio e per chiedere verità. Con un certo rammarico di chi si è fermato per osservare un minuto di silenzio, allo scoccare del 58esimo minuto, è stato constatare l’assenza di un rappresentante delle istituzioni

Colture più sostenibili e di qualità. Si può con SuperIrri

Ottimizzare l’uso delle risorse idriche riducendo la quantità di acqua utilizzata per la coltivazione del prato stabile e del riso - due delle principali colture tipiche della regione Emilia-Romagna - attraverso l’introduzione di tecnologie avanzate di irrigazione, come le paratoie automatizzate e la sensoristica smart, per rispondere alle necessità di sostenibilità e qualità di questi prodotti agricoli tipici del nostro territorio, con un risparmio di 3.146 metri cubi all'ettaro per il prato e di 1.189 metri cubi all'ettaro per il riso

inquinamentoRagazzi e ragazzi delle scuole De Pisis (sezione di Porotto), Iti Copernico Carpeggiani e Itas F.lli Navarra presentano all’amministrazione della città le loro raccomandazioni per vivere in salute in un ambiente più sano. Le proposte nascono da un percorso durato tre mesi, che li ha visti lavorare sulla piattaforma sperimentale del progetto Gioconda, dove hanno compilato un questionario sulla percezione del rischio ambiente e salute e sui dati della qualità dell’aria, discussi con i loro insegnanti e con i tecnici di Arpae.

Il percorso si conclude lunedì 16 maggio alla Sala Boldini di via Previati a Ferrara, a partire dalle 9.45, dove saranno proprio i giovani cittadini a condurre l’evento di presentazione che hanno deciso di intitolare “Ognuno di noi conta”.

Parleranno di quali sono i loro diritti su ambiente e salute, di cosa si aspettano dagli amministratori della città ma anche di cosa si vogliono e possono impegnare a fare. Partiranno dai dati sulla qualità dell’aria, che lo scorso inverno hanno segnato livelli preoccupanti, presenteranno le evidenze che hanno appreso sugli effetti nocivi che gli inquinanti atmosferici posso avere sulla salute e concluderanno le loro presentazioni con raccomandazioni per ridurre le emissioni sul nostro territorio.

Verranno proiettati video e raccontati gli slogan che hanno guidato i lavori delle sei classi partecipanti (2M e 3M della scuola De Pisis – Sezione di Porotto; 2I e 1H dell’Iti Copernico Carpeggiani; 2AM e 2BM dell’Itas Navarra).

Alternata alla loro voce sarà quella degli amministratori della città, chiamati a identificare le politiche che attualmente e in prospettiva futura accolgono le idee di ragazze e ragazzi.

Il progetto Gioconda è realizzato dall’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr e coinvolge in questa fase l’Amministrazione comunale con gli assessorati all’Ambiente e alla Sanità.

Saranno presenti l’assessore comunale all’Ambiente e alle attività produttive Caterina Ferri, l’assessore comunale alla Sanità e Servizi alla Persona Chiara Sapigni, il direttore della sezione di Ferrara di Arpae Pier Luigi Trentini, Paola Tommasini del Centro Idea, la responsabile del Servizio Infrastrutture e Mobilità del Comune Monica Zanarini, Liliana Cori dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr (coordinatore di Gioconda), Meri Scaringi del Centro tematico ambiente e salute di Arpae.

Durante la presentazione saranno illustrati i primi risultati dell’elaborazione dei questionari sulla percezione del rischio ambiente e salute dei giovani rispondenti. I risultati mostrano differenze significative fra le scuole, collocate in zone molto diverse della città.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com