Economia e Lavoro
12 Febbraio 2016
La multiutility ha incontrato 13 start up del territorio che puntano sull'innovazione

Buona la prima per l’ “Hera innovation Day”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Ferrara. Anche Ires conferma il calo del turismo

Il rapporto Ires (Istituto ricerche economiche sociali) sul turismo in Emilia Romagna conferma per Ferrara i dati più volte ripresi da estense.com certificando per Ferrara qualche difficoltà nonostrante "dal lato della domanda, si sta sempre più affermando il turismo rivolto a mete con forte valenza culturale e naturalistica"

Pomodoro da industria. Non c’è il prezzo

Nel ferrarese sono stati circa 7.500 gli ettari investiti a pomodoro da industria nel 2023, circa 250 in più rispetto al 2022 e si stima che nel 2024 ci sarà un ulteriore incremento. Un comparto che tiene, ma che è messo sotto scacco dal mancato accordo sul prezzo concordato tra parte agricola e industria di trasformazione e sulle condizioni qualitative di conferimento

Balcani Occidentali: opportunità di business per le imprese

Nuove opportunità di business per le imprese italiane nei Balcani occidentali, con un focus particolare sulla Bosnia Erzegovina: questo il tema dell’affollata iniziativa, promossa e realizzata congiuntamente dalla Camera di Commercio Italo-Bosniaca e dalla Camera di commercio di Ferrara Ravenna

SAM_1356Buona la prima. Nella sala conferenze di Hera in via Diana a Ferrara, si è tenuto ieri il primo “Hera innovation Day”, evento con cui la multiutility ha incontrato 13 start up del territorio che puntano sull’innovazione, selezionate sulla base dei loro progetti e della possibile comunanza con le attività del gruppo.

La giornata, organizzata con il fondamentale supporto e la collaborazione di Aster,il consorzio regionale per l’innovazione, la rete interamente dedicata alla creazione di imprese innovative EmiliaRomagnaStartup, Sipro, Innovami e l’ università di Ferrara, ha permesso ai giovani imprenditori di illustrare i loro progetti ai manager di Hera, consentendo di avvicinare la realtà di un grande gruppo industriale al mondo delle piccole realtà tecnologiche espresse dalle nostre comunità di riferimento, per favorirne la reciproca conoscenza e possibili collaborazioni. Diversi gli ambiti di interesse e di attività delle start up intervenute, tra cui si segnalano: software e hardware per la supervisione, il controllo e l’analisi dei parametri di processo; tecnologie brevettate che usano metodi innovativi per la selezione della materie plastiche in fase di smaltimento rifiuti; soluzioni per il monitoraggio, l’analisi e la gestione dei consumi; automazione domestica; realizzazione di piattaforme per la gestione remota, in tempo reale, di flotte e operatori dislocati sul territorio. L’”Hera Innovation Day” rientra tra le iniziative che la funzione di sviluppo e innovazione tecnologica, di recente trasferitasi a Ferrara, sta portando avanti anche sulla base delle idee proposte da due HeraLab, i consigli multistakeholder istituiti da Hera in tutti i territori, tese a supportare la nascita e/o la crescita di start up del territorio. Con 579 start up (11% del totale italiano), l’Emilia Romagna è la seconda regione per numero di imprese innovative iscritte nel registro delle camere di commercio, superata dalla sola Lombardia, e conferma così la propria vocazione all’innovazione. Un contesto, dunque, fertile e promettente, a cui il Gruppo Hera, da sempre attento a questi temi, guarda con estremo interesse.

“Con l’Innovation Day desideriamo sviluppare proficue relazioni tra il Gruppo Hera e le piccole realtà tecnologiche locali e abbiamo come obiettivo proprio quello di avvicinare due mondi tra loro distanti – dichiara infatti Stefano Venier, amministratore delegato Hera – Attraverso questa iniziativa, inoltre, puntiamo da un lato a rafforzare il nostro orientamento all’innovazione tecnologica, dall’altro a definire eventuali modalità di collaborazione, supporto e sviluppo congiunto con questo tessuto imprenditoriale del territorio. Il nostro auspicio – conclude l’ad di Hera – è che anche i giovani imprenditori possano ricavare da questa giornata spunti e contatti importanti per migliorare i loro progetti.”

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com