Economia e Lavoro
30 Luglio 2015
Coinvolte sono Ferrara e Confartigianato Assimprese Bologna Metropolitana

Nasce Federazione Interprovinciale Confartigianato

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Tecopress. C’è ancora un domani

Si apre uno spiraglio sul futuro dello stabilimento e dei lavoratori della Tecopress di Dosso di Sant’Agostino. Sira Group, della famiglia Gruppioni, entra in campo e nasce la nuova compagnia SirTec (tra Sira e Tecopress), con una proposta di affitto per lo stabilimento e l’impegno vincolante all'acquisto

Hera. Accordo con i sindacati, salta lo sciopero

Un "Patto del Buon Lavoro" tra Hera e le Segreterie Nazionali delle sigle sindacali (Filctem e FP Cgil, Femca, Fit e Flaei Cisl, Uiltec e Uiltrasporti Uil, Fiadel e Cisal Federenergia). Un patto, dicono da Hera, che "chiude una lunga vertenza e sancisce la nascita di una fase innovativa nelle relazioni industriali e di un modello partecipativo"

Federmanager. Incontro a Bologna su innovazione e sicurezza digitale

Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna, associazione di riferimento dei manager industriali con circa 3.100 iscritti nelle tre province, in occasione dell’assemblea annuale organizza il convegno “Cybermanager. Innovazione digitale e sicurezza sul lavoro nell’anno di NIS2”, che si svolgerà a Bologna martedì 18 giugno alle 17.30 presso la sede di Fondazione Ant Italia Onlus in via Jacopo di Paolo 36

Barcaiuolo (FdI) contro Bonaccini: “Seri Industrial rappresenta l’unica soluzione”

Se Bonaccini e Colla si dimostrano scettici rispetto all'accordo autorizzato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy attraverso Invitalia sull'ingresso di Seri Industrial nel capitale di Industria Italiana Autobus (Iia), dello stesso avviso non è il senatore Michele Barcaiuolo, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia in Emilia-Romagna

Vancini e Renzi, stretta di mano (foto di Mauro Monti/Rizomedia)

Vancini e Renzi, stretta di mano (foto di Mauro Monti/Rizomedia)

E’ stato siglato il protocollo d’intesa che ha come obiettivo la nascita, in autunno, della prima federazione inter-provinciale in Emilia Romagna di Confartigianato. Coinvolte sono Ferrara e Confartigianato Assimprese Bologna Metropolitana, nata nell’imolese negli anni Novanta e oggi presente in tutto il territorio bolognese anche con il brand Bologna Imprese.

Nessuna fusione, ma una vera e propria federazione, una maxi-rete di imprese associate e di servizi che andranno a integrarsi fra loro per alzare il livello del supporto alle imprese (o gruppi di imprese) anche sul piano dell’internazionalizzazione. Forte di una trentina di sedi sul territorio (oltre 200 i collaboratori) e di una base di circa 10 mila associati di ogni dimensione, il nuovo soggetto ha i numeri per una più efficace rappresentanza sindacale, potendo dialogare ai livelli metropolitano e regionale, ove si può incidere perorando la causa di una riduzione della burocrazia e della pressione fiscale, veri fardelli che ogni giorno frenano la corsa delle imprese.

A siglare il protocollo che darà il via alla nuova federazione e che avrà anche nel nome una propria identità, sono stati l’imolese Amilcare Renzi (Confartigianato Assimprese Bologna Metropolitana) e Giuseppe Vancini (Confartigianato Ferrara).

«Nell’idea che sostiene il nostro progetto – dichiara Amilcare Renzi, segretario di Confartigianato Assimprese e consigliere della Camera di Commercio di Bologna – la Città metropolitana bolognese esercita un ruolo propulsivo per un territorio che, sul piano delle relazioni commerciali, non si limiterà più alla sola cerchia dei vecchi confini provinciali, ma avrà un respiro ancor più ampio sul piano logistico e turistico. I due assi Bologna-Ferrara e Bologna-Imola rappresentano una triangolazione importante da valorizzare sul piano delle infrastrutture e dei servizi. La dimensione della nuova federazione ci consentirà di lavorare con maggiore efficacia nell’intercettare risorse, bandi e progettualità di area vasta, oltre a permetterci una rappresentanza più efficace delle istanze del sistema delle imprese».

«Si tratta – aggiunge Giuseppe Vancini, Segretario di Confartigianato Ferrara – di un’operazione per noi di fondamentale importanza, alla quale abbiamo lavorato a lungo e alacremente, con l’obiettivo di inserire Ferrara e le imprese associate in un circuito che, di fatto, rappresenta il cuore dell’economia, con particolare riferimento alla manifattura, in cui abbiamo molte eccellenze. Si tratta di offrire alle aziende nuove opportunità sul fronte dei servizi, guardando all’export, al mercato europeo e internazionale, uscendo dalla territorialità. Ancora, è un percorso che con lungimiranza affronta il ‘rischio’ isolamento dovuto alla soppressione delle Province».

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com