Politica
17 Luglio 2015
L'amministrazione torna ad essere collegiale con Badia, Paramucchi e Brancaleoni

Holding, entra Sipro e ci sarà un cda a tre

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Afa e temporali. L’allerta gialla è doppia

Una doppia allerta gialla per caldo e temporali che - già nelle prossime ore - interesseranno tutta la provincia di Ferrara. A emanarla è la Protezione Civile dell'Emilia-Romagna con validità dalla mezzanotte di venerdì 19 a quella di sabato 20 luglio

Terremoto Pd. Il segretario di Ferrara si dimette

Il segretario comunale del Partito democratico si è dimesso. Lo ha fatto alla prima occasione utile, quella dell’assemblea comunale che doveva fare i conti con la cocente sconfitta subita alle elezioni di giugno

Un’altra donna trovata in casa senza vita

Una donna italiana di 59 anni, Barbara Fiocchi, è stata trovata senza vita nel letto della sua casa di via Gallerani a Dosso, frazione di Sant'Agostino, nel territorio comunale di Terre del Reno

IMG_20150716_183459255Come aveva già preannunciato alla stampa il sindaco Tiziano Tagliani, Sipro entrerà nell’orbita della Holding Ferrara Servizi e porterà in dote non solo il know how ma anche un membro per il nuovo consiglio di amministrazione allargato.

Francesco Badia non sarà infatti più amministratore unico, al suo fianco ci saranno (anche questa volta già preannunciato da Tagliani) l’ex direttore Paolo Paramucchi e, infine, Caterina Brancaleoni, presidente di Sipro i cui nomi sono stati palesati dal primo cittadino nella commissione consiliare tenutasi nel pomeriggio di giovedì.

“I componenti del cda erano stato ridotti da cinque a uno – spiega il sindaco – ma in questo ultimo anno e mezzo si sono aggiunte anche le Farmacie comunali ed è sorta la necessità di avere un quadro di governo in grado di gestire tutto l’insieme delle società: abbiamo verificato che un amministratore unico fatica ad assumere decisioni per tutte le aziende – prosegue Tagliani – per questo ci serve un organismo collegiale che per dare una significativa capacità di risposta alle società”.

E così ecco il cda allargato, con l’attuale amministratore Badia, il fedelissimo Paramucchi e con l’ingresso della Brancaleoni da Sipro società che, spiega il sindaco, “porterà nella Holding le competenze e capacità di relazione con i privati e con il mondo produttivo e imprenditoriale del territorio”.

“Non aumenta il costo, ma aumenta il perimetro del controllo”, mette le mani avanti il Tagliani: significa che il Comune non sborserà più soldi di quelli che già spende ma sarà in grado di ripartire le responsabilità della gestione delle aziende partecipate su più teste. “Si tratta di una volontà politica già esplicitata dal vicesindaco Massimo Maisto nel consiglio comunale del 29 giugno, oggi presento i nomi ai consiglieri perché prima dovevo parlare con il nuovo direttore (Stefano Lucci, ndr)”.

Tagliani ha ribadito la propria posizione anche sul bando per la nomina del direttore, scambiando opposte vedute con i consiglieri di opposizione appartenenti a Forza Italia (i più critici fin dall’inizio) e Fdi.

Sempre in tema Holding – le cui aziende, ha spiegato l’amministratore unico Francesco Badia, “hanno iniziato bene l’anno e anche quelle che erano più in difficoltà mostrano miglioramenti rispetti al primo trimestre dell’anno scorso – entro fine anno il Comune ha intenzione di procedere alla fusione di Amsef con Ferrara Tua (la nuova società assumerà il nome di quest’ultima)

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com