Cronaca
19 Febbraio 2014
Digitale terrestre, copertura ottimale pronta solo a fine estate

Telefonia mobile, niente antenne vicino alle scuole

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

Truffavano ‘giocando’ sui sentimenti. Fanno scena muta davanti al giudice

Finiti nei guai dopo la maxi-operazione coordinata dalla Procura di Palermo, che ha portato a scoperchiare un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa estesa in tutta Italia, i due fratelli di nazionalità nigeriana, che nei giorni scorsi sono stati arrestati a Ferrara, hanno scelto la via del silenzio

Contabilità ‘artefatta’ per avere permessi di soggiorno. Trenta stranieri nei guai

È approdato ieri (venerdì 17 maggio) mattina, davanti al giudice Rosalba Cornacchia del tribunale di Ferrara, il processo che vede imputate trenta persone di nazionalità straniera con l'accusa di aver usufruito di falsi permessi di soggiorno per fatti avvenuti tra il 2014 e il 2019 e scoperchiati da una articolata inchiesta eseguita dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza

Da sinistra: Andrea Ansaloni e Girolamo Calò in Circoscrizione 1

Da sinistra: Andrea Ansaloni e Girolamo Calò in Circoscrizione 1

È quasi ultimato l’iter del nuovo Regolamento del Comune di Ferrara per installazione ed esercizio degli impianti di telefonia mobile, che ieri sera ha attraversato rapidamente l’ultimo passaggio a livello circoscrizionale (la prima, presieduta da Girolamo Calò), prima dell’approdo davanti alla Terza e alla Quarta commissioni congiunte giovedì.

L’ha illustrato ai pochi consiglieri presenti Andrea Ansaloni, che in Comune si occupa di Piani urbanistici complessi e Problematiche ambientali. Si tratta di uno strumento di autoregolamentazione che il Municipio, ancora parecchio tempo fa, ha deciso di darsi, “e con il quale abbiamo fatto scuola – ha rivendicato – visto che altre Regioni e Comuni ci hanno seguito”. I cambiamenti apportati sono limitati: dal Regolamento spariranno i riferimenti alla possibilità per le compagnie di istituire aree di ricerca e apparati mobili (“perché oramai tutti i territori sono coperti”), così come alla Dia e al Permesso di costruire, già scomparse a loro volta dalla normativa.

“Abbiamo mantenuto il divieto a installarli vicino alle scuole di ogni ordine e grado e vicino agli ospedali” ha proseguito l’architetto, raccontando però che proprio dai degenti e dai medici del nosocomio di Cona è giunta la richiesta di potenziare il segnale, pena l’impossibilità di usare i telefoni (richiesta accontentata).

La domanda del consigliere Giuseppe Furlati (Io amo Ferrara) a proposito dell’eventuale interferenza tra degli impianti di telefonia con il segnale del digitale terrestre ha fornito al tecnico comunale l’occasione per aggiornare i presenti sul discusso argomento: “un problema di interferenza tra telefonia e digitale non esiste, però esiste un problema legato proprio al digitale”, come del resto molti Ferraresi sanno.

La soluzione però, stando ad Ansaloni, potrebbe essere vicina. “Alla fine dell’estate Rai, Mediaset e La7 avranno finito di configurare gli impianti di via Aranova, grazie a cui copriranno nella maniera migliore possibile il territorio”. Proprio per questo è in agenda per giovedì 20 un incontro fra i tecnici municipali e quelli della Rai.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com