Cronaca
8 Dicembre 2011
Un'ottantina di anziani all'iniziativa natalizia al Centro sociale Acquedotto

Teleassistenza e progetto Giuseppina in festa

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

Truffavano ‘giocando’ sui sentimenti. Fanno scena muta davanti al giudice

Finiti nei guai dopo la maxi-operazione coordinata dalla Procura di Palermo, che ha portato a scoperchiare un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa estesa in tutta Italia, i due fratelli di nazionalità nigeriana, che nei giorni scorsi sono stati arrestati a Ferrara, hanno scelto la via del silenzio

Contabilità ‘artefatta’ per avere permessi di soggiorno. Trenta stranieri nei guai

È approdato ieri (venerdì 17 maggio) mattina, davanti al giudice Rosalba Cornacchia del tribunale di Ferrara, il processo che vede imputate trenta persone di nazionalità straniera con l'accusa di aver usufruito di falsi permessi di soggiorno per fatti avvenuti tra il 2014 e il 2019 e scoperchiati da una articolata inchiesta eseguita dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza

Martedì 6 dicembre presso il Centro Sociale Acquedotto di C.so Insonzo a Ferrara si è tenuta la tradizionale festa di Natale dei progetti e-Care e Giuseppina. L’iniziativa, che è alla quarta edizione consecutiva, è stata promossa dalle istituzioni e dai soggetti partecipano al progetto Giuseppina: Comune ed Asp di Ferrara, Cup 2000, Cooperative Sociali Integrazione Lavoro, Camelot e L’Isola, associazioni di volontariato (Ause, Anteas, Ferrara Assistenza, Nadjia) e promozione sociale (Ancescao).

L’incontro, a cui hanno partecipato oltre 80 anziani che – settimanalmente – sono contattati dal call center e-Care, è stato allietato dalla presenza di ottimi musicisti (Riccardo Magri, mandolinista dell’orchestra a plettro Gino Neri) e, successivamente, dalla compagnia “I ragazitt da na volta” che si è esibita per quasi un’ora intrattenendo il numeroso pubblico con zirudele, poesie e barzellette in dialetto ferrarese. Infine, prima di salutare gli ospiti, è stato offerto un piccolo rinfresco a cura di Cup 2000.

L’iniziativa s’inserisce nel percorso, avviato 5 anni fa dal Comune di Ferrara, volto al sostegno della popolazione anziana fragile. La finalità generale del progetto, introietta le indicazioni del “Piano di Azione a favore della popolazione anziana”, ossia si muove nella cornice della promozione di “azioni servizi ed interventi a sostegno della domiciliarità, rivolti a persone che non riescono, senza adeguati supporti, a provvedere autonomamente alle esigenze della vita quotidiana”. L’impoverimento del tessuto relazionale è considerato uno dei fattori principali che contribuisce alla perdita dell’autosufficienza.

Attraverso il lavoro di rete, il progetto Giuseppina, oggi, con il concorso del terzo settore ed avvalendosi della collaborazione di Cup 2000 E-Care che funge, attraverso il suo numero verde (800.072110) da collettore delle richieste degli utenti del progetto (offrendo inoltre il servizio di tele assistenza), garantisce i seguenti servizi: trasporti, consegna dei farmaci a domicilio, consegna della spesa a domicilio, attività motoria a domicilio.

Attualmente gli anziani inseriti nella banca dati gestita da Cup 2000 sono 1.719. Di questi oltre un terzo è stato preso in carico nel primo anno (2007) d’attività. La maggior parte degli anziani in carico appartiene al genere femminile (oltre il 75%) mentre la fascia d’età più rappresentata è quella che ha tra gli 80 e gli 84 anni, segue la fascia d’età tra gli 85 e gli 89 anni. Ciò vale, con sensibili differenze, sia per le donne che per gli uomini.

Per quasi tutti gli anziani in carico si è riusciti a identificare la circoscrizione di residenza: la maggior parte degli utenti (34%) risiede nella circoscrizione 1, che comprende il centro storico e l’ex circoscrizione Giardino – Arianuova – Doro. La seconda circoscrizione più rappresentata (27%) è la numero 2, ovvero il territorio che comprende le ex circoscrizioni di via Bologna e zona sud. Infine le circoscrizioni 3 e 4 afferenti la prima Pontelagoscuro, Barco e la zona nord, la seconda il forese delle zone sud est e sud ovest.

Una parte degli anziani iscritti al progetto Giuseppina è anche inserita nel servizio di Teleassistenza. Sovente, ai contatti alle chiamate da parte degli anziani sono associate delle attività: richieste d’accompagnamento, d’informazione sui servizi sociosanitari oppure per ottenere altri servizi messi a disposizione dalle realtà del Terzo settore e dai commercianti che hanno aderito al progetto Giuseppina.

Il servizio maggiormente richiesto è quello afferente gli accompagnamenti verso luoghi di cura e socializzazione. Un altro servizio a cui ricorrono gli utenti del progetto Giuseppina è quello informativo: orientamento alla rete dei servizi, messa in contatto con le assistenti sociali e altro ancora.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com