sab 17 Giu 2017 - 605 visite
Stampa

La Gad è il Futuro: Bandiera Bianca

Dalle cronache una news nazionale (Verso la Ius Soli) e due locali, carabinieri aggrediti in Zona Gad e il questionarismo proposto dal radicale storico nostrano sempre la Zona Gad. Un solo e definitivo, per quel che mi riguarda intervento commento. Ricordando Battiato e siccome anche le speranze ed utopie devono fare i conti con i fatti: ok, Bandiera Bianca è l’unica leale e umile considerazione e necessaria autocritica.

Chi è geneticamente populista e non adatto ai radiosi avvenire multietnici se può se ne vada coerentemente dall’Italia e da Ferrara, magari in Alto Adige/Austria o  Ungheria o Polonia o in Australia o Islanda, o (anche se a rischio per colpa del colonialismo storico e residuo che causa nell’anima dei nuovi europei di matrice afro musulmana gli attentati) anche in GB o Usa. Chi è costretto a restare in Italia o a Ferrara, meglio cominciare a pensare come sopravvivere, minimizzandosi, mimetizzandosi, immaginare strategie prossime venture di minima convivenza coi neoprimitivi evoluti del terzo millennio destinati a comandare, tempo una o due generazioni in Italia e a concretizzare finalmente il messaggio umanitario e divino di Papa Bergoglio e L’Islam e dei Dem di tutto il mondo.

Più nello specifico: hanno Ragione certamente il PD, la Boldrini e la Fedeli, Ius Soli è battaglia di civiltà, certamente conoscono meglio loro Max Weber, Bertrand Russell e tutti gli altri, esempi di conoscenza aumentata, honoris laurea l’una all’Onu e l’altra nel Sindacato.

Oppure, la Zona Gad….:  basta con le proteste xenofobe, basta con le provocazioni reazionarie delle forze dell’ordine che poi esasperano i nuovi italiani disturbati nel loro corso di formazione di italianità. Finalmente anche un vero  Think Tank multietnico con la proposta Zamorani per dimostrare scientemente (metodo scientifico del grande Lysenko, lo scienziato scalzo precursore multietnico) la teoria itagliana delle Percezioni soggettive di ferraresi ottusi e egoisti, incapaci di vedere il Futuro inclusivo venuto alla luce.

La Zona Gad non è problematica, segnala finalmente Ferrara al passo con la mutazione epocale in corso nelle grandi metropoli europee! Grazie ai migranti afro islamici, finalmente Ferrara ha un grande Futuro e ora con lo Ius Solis e la vera libera accoglienza cosmista, Ferrara rinnoverà i fasti del Rinascimento, sarà, per la genetica generosità aumentata dei neoestensi cattocomunisti profani e sacri pereghini (neologismo in onore del nuovo vescovo, dopo gli anni oscurantisti di Negri!), capitale italiana dell’Integrazione e l’Unione rivoluzionaria dei Popoli, grande pianificazione di sviluppo nuove risorse umane specializzate in conoscenza aumentata!

Un grande stimolo, come già magnificamente annunciato dagli artisti visionari del PD local per riqualificare le aree storiche ferraresi degradate: dal Palaspecchi all’ex Caserma al cinema Alexander e l’ex Macello e l’ex Distilleria ecc., Ferrara prima città d’arte transafricana in Italia.

Appunto basta con le infondate e razziste paure populiste! Libera accoglienza mai più discriminata, Ferrara è pronta per – secondo i dati previsionali- almeno 60000 nuove risorse migranti umane; per troppe paure infondate, finora troppo pochi i migranti accolti, un freno allo sviluppo annunciato delle imminenti magnifiche progressive sorti di Ferrara!

Perché una volta per tutte, riassumendo, i populisti attardati (fondamentale autocritica anche personale, disturbato nella percezione dal nostro obsoleto passato futurista e positivista imperialista) tempo di Bandiera Rossa, lapsus Bandiera Bianca!

Perchè la GAD E’ IL FUTURO!

Roby Guerra  *Azione (ex) Futurista

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi