gio 9 Apr 2015 - 118 visite
Stampa

Francine Segan conquistata dai sapori di Ferrara

L'esperta statunitense di enogastronomia in città alla scoperta delle nostre eccellenze

perdonati_seganLetteralmente conquistata dalla cultura e dalla cucina dell’Italia e di Ferrara: stiamo parlando di Francine Segan – giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva di New York esperta di storia ed enogastronomia con un’attenzione particolare all’Italia ed ai suoi sapori (ai quali ha dedicato anche alcuni libri, l’ultimo in ordine di tempo è “Pasta Modern”).

Segan ha fatto ieri (8 aprile) tappa a Ferrara nell’ambito di un tour organizzato dall’Apt regionale e dalla Provincia di Ferrara. Due le soste in particolare- presso storiche e note attività associate Ascom – all’ombra del castello estense e delle sue prelibatezze enogastronomiche: la prima presso lo storico Forno Perdonati di via San Romano a conoscere “live” i segreti della Coppia di Pane Ferrarese, il pane più buono e noto al mondo.

“Per me è stato davvero un onore – spiega emozionato Romano Perdonati presidente tra l’altro della Federazione Panificatori di Ascom Confcommercio provinciale – ed è un modo ulteriore per far conoscere una tradizione viva e vitale come quella del nostro pane che ci fa conoscere a livello internazionale”. Segan, affabile, in compagnia del marito Marc, è stata attenta ad ogni fase della lavorazione, ha scattato decine di foto e video seguendo minuziosamente ogni passaggio – dall’impasto alla cottura – eseguito dallo stesso Perdonati ed ha commentato entusiasta: “Pensi che mi faccio almeno otto ore di aereo per mangiare il pane ferrarese. In questo pane c’è una artigianalità, una passione, una storia davvero unici – e assaggiando la Ciupeta, Segan ha esclamato -: è di una una bontà indescrivibile che ti trasporta. Questo pane è davvero una fonte di eterna giovinezza”.

occhiali_seganPoi, dopo il tour in centro tra monumenti, c’è stata la visita al primo nucleo del Museo dell’Ebraismo Italiano e della Shoah in via Piangipane: un altro grande motivo di interesse e passione culturale della scrittrice statunitense che in una giornata fitta di appuntamenti ha voluto dedicare uno spazio importante al Meis, in vista di un suo intervento negli States tutto dedicato alla cultura ebraica, in particolare nella nostra città.
La seconda sosta alla scoperta della cucina stense è arrivata con il pranzo in un noto ristorante, anch’esso associato Ascom, che ha fatto della tradizione il suo cavallo di battaglia: Cusina e Butega in corso Porta Reno, dove la giornalista americana ha voluto conoscere la storia e sopratutto i sapori unici dei cappelletti, dei cappellacci, della salama da sugo e del pasticcio ferrarese attraverso le parole dello chef Ennio Occhiali :”Che meraviglia – ha commentato la giornalista americana -! Finora avevo letto la storia di questi piatti storici e rinascimentali, e oggi ho potuto davvero gustarli appieno e dal vivo”. “La nostra enogastronomia è sicuramente una ricchezza che integrata ai monumenti, ai paesaggi unici di questa terra, devono essere valorizzati. Questi tour realizzati da esperti del settore a livello internazionale sono la piena conferma del tesoro che la nostra terra possiede”, commenta a suo volta il presidente provinciale Ascom Confcommercio Giulio Felloni.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi