gio 15 Gen 2015 - 61 visite
Stampa

La buona cucina secondo i maestri del cinema

Salvatore Gelsi ospite de “I giovedì diCibo”

Cover_Gelsi (1)Oggi, giovedì 15 gennaio, alle ore 20 torna “I giovedì diCibo”, organizzati nell’omonimo ristorantino, in via Carlo Mayr 4, e curati da Matteo Bianchi. La rassegna, volta a promuovere le tradizioni della cucina italiana grazie alla buona letteratura, ospiterà Salvatore Gelsi, docente e critico cinematografico, nonché tra gli ideatori del Mantova Film Festival. L’autore, che per anni ha insegnato alla Facoltà di Architettura Sociologia dell’Arte e dello Spettacolo, tornerà a Ferrara per presentare in anteprima l’edizione ampliata di Ciak, si mangia! (Tre Lune), il dizionario del cinema dietro i fornelli, insieme all’editore mantovano Luciano Parenti. «A mio avviso – ha affermato Gelsi – il poker dei nostri registi amanti del cibo è Scola, Ferreri, Fellini e Ozpetek; in ogni loro titolo c’è un riferimento esplicito. Mentre il poker di attori è Tognazzi, Fabrizi, Totò, più la coppia Bud Spencer – Terence Hill per esigenze di sceneggiatura. I big internazionali che hanno dato senso all’atto del mangiare sono Chaplin e Hitchcock», che per la stessa casa editrice ha approfondito nei saggi Lo schermo in tavola (2002) e A tavola con Hitchcock (2004), l’eco dei quali si è diffusa dovunque.

Tra un aneddoto e una portata della chef Maya, la cena coinvolgerà i commensali intorno a un tavolo, proiettandoli dietro le quinte delle pellicole che hanno insaporito la storia del nostro Paese, dalle penne di Aldo Fabrizi ai bucatini di Alberto Sordi, con di fronte un piatto fumante e un fiasco di rosso. Al grido di «Maccarone, m’hai provocato… e io me te magno..!», il volume passa in sequenza più di 500 voci, da Abbacchio a Zuppiera, tra ricette, ingredienti e comportamenti osservati sullo schermo in oltre 6mila film. Una dispensa ricca di battute, dialoghi, affermazioni, atteggiamenti in grado di costruire ed esaltare il legame tra cinema e cucina dalle prime proiezioni Lumière all’ultimo Stanley Kubrick, passando attraverso tutti i generi: western, commedia, horror, giallo, sino al fantasy. Nemmeno mancherà una spolverata di filosofia, che il docente ha ripreso dall’eroico Richard, ne Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante (1989) di Peter Greenaway, costretto ad accontentare clienti insensibili come il rozzo e terribile Albert Spica:«Io chiedo di più per tutto quello che è nero: uva nera, olive nere, ribes nero. La gente in genere ama ricordarsi della morte. Mangiare pietanze nere è come consumare la morte. È come dirle, morte ti sto mangiando. Il tartufo nero è la cosa più cara insieme al caviale; morte e nascita, la fine e il principio». Per prendere parte alla serata è consigliata la prenotazione allo 0532/765997

 

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi