lun 16 Dic 2013 - 306 visite
Stampa

Meme, presentata la creatività anche in cucina

De Giovanni cucina dei "mini sushi all'italiana" all'insegna della contaminazione tra sapori diversi

di Elisa Fornasini

cucina1La Settimana del Futuro del Meme Makers Exposed, la prima rassegna ferrarese dedicata al mondo delle idee, della produzione e delle imprese, arriva al capolinea con lo show di cucina creativa di Massimiliano De Giovanni, che fa proprio lo spirito “dei maker”per creare un piatto appetitoso e creativo. Inoltre per rimanere nello spirito del mercato, usa solo ingredienti reperibili al mercato coperto, la location scelta per la rassegna e in cui è stato allestito un Temporay Shop, aperto fino al 5 gennaio, con i prodotti realizzati dai 26 artigiani invitati al Meme.

Il corso di cucina parte immancabilmente con le presentazioni. De Giovanni è cuoco e chef a domicilio, redattore del blog www.neparliamoacena.blogspot.it, presidente Arcigay di Ferrara, fumettista italiano noto soprattutto per aver aperto ufficialmente le porte italiane ai manga, docente di Scrittura Creativa e Narrazione per Immagini all’Accademia di belle arti di Bologna. Come si vede, un uomo impegnato su più fronti ma, come spiega lui stesso, “le passioni sono accumunate dal fatto che sono tutte forme d’arte”. Così la cucina, in particolare quella creativa, viene vista come una forma d’arte in cui “contaminazione” è la parola chiave perché “non bisogna avere paura di giocare e sperimentare”.

La creatività sta infatti nel “contaminare” sapori diversi, abbinando gusti nuovi a quelli tradizionali e allontanando i piatti dalle loro origini geografiche e storiche. De Giovanni, essendo uno scrittore di manga, ha viaggiato molto in Giappone e per questo corso ha proposto una ricetta contaminata con l’idea del sushi. Questo “mini sushi all’italiana” è composto da involtini di orata e gamberi al profumo di lime e zenzero fresco, accompagnati da due salse diverse: una dal gusto delicato a base di cipolla rossa e yogurt greco, la seconda dal gusto agrodolce a base di melograno.

cucina2Essendo un piatto a base di pesce lo propone come aperitivo creativo del tradizionale cenone della vigilia di Natale e, per fare in modo che sia facilmente riproducibile a casa, spiega con chiarezza tutta la ricetta passaggio per passaggio. Dalla sfilettatura del pesce alla pulizia dei gamberi, dalla creazione dell’involtino all’originale cottura in pellicola (bisogna chiudere “a forma di caramella” gli involtini e lasciarli cuocere per 10 minuti nell’acqua bollente). Stesso procedimento anche per le salse, dalla spremuta del succo di melograno e del limone, al centrifugato della cipolla rossa soffritta, prima di passare ad impiattare il cibo che, come ormai ci propinano tutti gli innumerevoli programmi dedicati alla cucina, è un punto fondamentale.

Il prossimo appuntamento è alle 17, sempre al mercato coperto, per l’annuncio del maker vincitore della Settimana del Futuro. Seguirà il party di chiusura, all’interno del quale sarà possibile assistere al concerto live di Dagger Moth, alias Sara Ardizzoni.

Stampa
  • michele

    bene, quindi si tratta di un piatto cotto (10 minuti), di pesce nostrano, con salse greche, senza riso.

    considerato che il sushi è un piatto di pesce crudo, con riso, salse orientali e alghe… cosa c’entra, a parte la spocchia del nome? attendo risposta.

    comunque vedo che gli articoli sui “maker” sono tra i più seguiti…

    aspettando, dopo il “meme” la “fifi” la fiera della fi…guratività intrinseca.. ma và… il sushi italiano… ma per favore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi