Ferrara città morta? Non i ferraresi ma politica e informazione

Ottima potenzialmente l’iniziativa lancio blog di Estense.com di questi giorni: una apertura alla società civile e culturale decisamente al passo proprio con l’Informazione dopo il Web, con una mutazione irreversibile della figura del giornalismo pre-web (old media) monodirezionale verso invece l’interfaccia destinatario-lettore e l’informazione diretta potenzialmente più libera e critica.

Ma a Ferrara siamo alle solite: se il focus ufficiale e motivazionale della News blog estense.com è discutere o confutare l’ipotesi radicale espressa da alcuni liberi intellettuali ferraresi- ovvero Ferrara città morta… i primi blog, vero e proprio lapsus inconscio tecnologico o sociale della Comunità ferrarese, rivelano in contro luce la reale interpretazione dello slogan lapidario Ferrara città morta…

Non si discutono le penne blogger, ben selezionate con criteri oggettivi per chi è informato, almeno quelle finora in azione, ma tutti politicamente a Ferrara corretti (anche il grande Alieno, da noi stessi ammiratissimo, eretico altrove, ma qua a Fe?),  ma – salvo rifiuti di chi di seguito – suona incongrua l’assenza in tale menu di nuovi blogger in estense.com, proprio dei provocatori, dei coniatori dello slogan Ferrara città morta. E mancano anche penne potenzialmente ostiche e perturbanti: Laura Rossi, l’architetto Viola, Paolo Giardini, Filippo Landini, G. Conventi (e altri), anche diversi lettori spesso commentatori ben più critici di certo giornalismo… (a meno che non abbiano rifiutato..).

Mancano in ogni caso i Provocatori di Ferrara città morta, in ordine cronologico e storico: Vittorio Sgarbi, chi scrive e Lorenzo Mazzoni, piaccia o meno, pur con audience certamente diversi, tra i pochi scrittori e intellettuali ferraresi realmente noti fuori mura, certamente tra i pochissimi a Ferrara promotori – pur nella diversità anche ideologica – di certa costante opposizione culturale e metapolitica.

E parliamo di Estense.com, unica voce almeno semi-libera dell’informazione ferrarese.

Premesso che rispondiamo  preventivamente su  qualsivoglia accusa di personale invidia (come già successo con/da alcuni lettori in questa testata), se non altro perché scriviamo su paralleli giornali on line di Roma – e in passato su network nazionali (SuperEva/Controcultura e Ferrara!), e su riviste editoriali nazionali, ecc. (tutto verificabile) rilanciando spesso anche la cultura ferrarese, ci limitiamo a ribadire che Ferrara è morta a livello politico e di certa informazione…  PERO’  (perchè il pensiero critico è complesso nelle società attuali complesse-anche a Ferrara) la città è anche vivissima a livello culturale, quello spesso non ufficiale o meglio istituzionale, ma anche qua il magma è meno negativo di Ronconate e Abbadate varie; non ultimo.. che questa visione paradossale di Ferrara città morta, ma non almeno molti ferraresi creativi (e non solo operatori culturali) l’abbiamo anche scritto per l’editoria nazionale. Finché la politica e l’informazione a Ferrara saranno a una dimensione ben identificabile e non realmente a 360° e democratica, negare che la Ferrara Politik (opposizioni incluse) e di certa Informazione è morta è soltanto localismo ipocrita… e lucciole per lanterne (al di là delle buone intenzioni).

Purtroppo sono la Politik e l’Informazione che creano il futuro, plasmano la psicologia e la realtà geopolitica e concreta globale di una Comunità, non artisti contro o liberi cittadini minoritari. E quindi la Città è in caduta libera..  Finchè il sistema operativo non sarà aggiornato, quando lo zero è l’esistenza a Ferrara di caste politiche, culturali, mediatiche ecc. che devono saltare per una Ferrara del futuro, non isolata e semi-autistica (come incredibimente mirano le caste-anche dell’opposizione- con le Nuove Province…), ma realmente democratica, pluralistica, meritocratica  e dialettica) non solo nei Simulacri o in qualche scintilla di libertà, allora la città sarà  al passo con l’anno 2012…, non solo default, ma nuova conoscenza ciberculturale e metapolitica-almeno- propulsiva…

Roby Guerra x Azione Futurista Ferrara

info autore vedi divenire.org /autori  (rivista editoriale dell’AIT, Milano)

 

7 Commenti in: “Ferrara città morta? Non i ferraresi ma politica e informazione”


  • Commentisti Anonimi ha scritto il 8 October 2012 alle 1:28

    Ehi, nella lista degli autori dimenticati manca Alberto Canetto!

    (Mo mama…) 

    Commento molto apprezzato! Thumb up 13

  • tommaso mantovani ha scritto il 8 October 2012 alle 11:19

    Ferrara città morta per l’informazione… ecco perché noin si parla più, ad es. del crac coopcostruttori, da 1 mld e 200 mln di euro, quasi come quello parmalat…Nonostante il palazzo degli specchi, la follia dell’ospedale ai Cona o l’incompiuta tangenziale ovest siano rimangano a ricordarlo…E’ paradossale che si venga a parlare proprio a Ferrara di libertà di stampa

    Commento molto apprezzato! Thumb up 15

  • Domanda Amletica ha scritto il 8 October 2012 alle 11:28

    Noto che tra le citazioni delle penne caustiche spicca l’arch. Viola. Nulla da eccepire solo che Viola ci ha talmente rintronato col suo titolo accademico che nell’immaginario collettivo è equiparabile ad un nome per cui “arch.” è diventato inscindibile da Lanfranco e da Viola. Cosa che in un blog ha un che di surreale, più delle sue tirate sul turismo. Persino Azione Futurista, da sempre movimento iconoclasta, non omette il blasone accademico dell’ineffabile architetto, prigioniera essa stessa dal rito autoindotto dal nostro. Trovo la situazione oltremodo divertente.

    A breve un arch. viola fan club?

    Thumb up 8

  • Pensiero semplice ha scritto il 8 October 2012 alle 11:34

    Condivido il (Mo mama…) – Rimpiangere Sgarbi mi sembra eccessivo anche per dei sostenitori della provocazione. La volgarità non è mai intelligente.

    Commento molto apprezzato! Thumb up 14

  • Laura Rossi ha scritto il 8 October 2012 alle 14:52

    Caro Roby Guerra , hai detto giusto nel considerarmi un elemento ostico e perturbante e proprio per queste mie ” qualità”  non sono per niente adatta a vari blog di estense.com. Vedi, l’importante è  nel cercare di essere obiettivi, soprattutto sulla propria persona. Io, per esempio, credo di esserlo. Sono troppo rompiballe!! Comunque grazie, sei sempre stato carino e gentile nei miei confronti, chi non ti conosce non sa che possiedi molta sensibilità  non solo artistica, ma anche umana…

    Thumb up 2

  • Il Monaco ha scritto il 8 October 2012 alle 16:21

    Guerra si dice futurista ma poi ci propone nomi vecchi, alcuni vecchissimi. La provocazione deve essere inaspettata. Nei tempi e nelle modalitá. Mal si addice quindi alla ripetitiva ed abitudinaria azione del postare contenuti su di un blog

    Ho apprezzato l’ospitalitá qui offerta a blogger che non sono ‘storici presenzialisti’, coloro cioé che piú frequentemente ci capiterebbe invece di leggere su di un quotidiano locale tradizionale. Diversi di loro infatti, al momento sono dei ‘quasi sconosciuti’ agli occhi del grande pubblico e quindi potenziali sorgenti di contenuti e stili differenti dai soliti

    Concordo sul giudizio positivo attribuito all’introduzione del blog qui su Estense.com tenendo ben presente però che il mezzo in oggetto, il blog, non é necessariamente sinonimo di contenuti innovativi o interessanti; ciò che conferirá la qualitá a questa nuova sezione rimarranno comunque i contenuti che ci offrirá, come del resto giá avviene per le sezioni tradizionali della testata.

    Thumb up 5

  • Raimondo Galante ha scritto il 9 October 2012 alle 13:47

    Volevo solo sottolineare il fatto che il tentativo di Roberto Guerra di ravvivare il clima culturale di Ferrara ,facendo leva sulle risorse intellettuali ancora vive e pulsanti presenti nella città è ammirevole. Infatti, la crisi, che è anche e soprattutto crisi culturale e politica prodotta dalla incapacità di produrre soluzioni innovative ed efficaci per poter uscire vittoriosi dalle sfide della globalizzazione , investe anche Ferrara necessita di idee inedite e rivoluzionarie e di persone che costituiscano la linfa vitale e la forza sufficientemente dirompente per poterle realizzare. A tal proposito volevo solo far notare che tale tentativo è stato riconosciuto . meritevole di considerazione da una testata web laziale :http://www.eccolanotiziaquotidiana.it/notizie-dallemilia-romagna-un-esperimento-di-web-giornalismo-3-0-a-ferrara/?fb_action_ids=4173736315104&fb_action_types=og.likes&fb_source=timeline_og&action_object_map={%224173736315104%22%3A5079740

    Thumb up 4

Scrivi un commento

Estense.com si riserva il diritto di cambiare, modificare o bloccare completamente i commenti sul forum. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della redazione, ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento che se ne assume le relative responsabilita'. Non saranno pubblicati i commenti che contengono elementi calunniosi o lesivi della dignita' personale o professionale delle persone cui fanno riferimento.

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine


Ti rimangono caratteri disponibili. (Caratteri massimi: 1000)

Copyright © 2014 estense.com. Testata giornalistica on-line d'informazione, registrazione al Tribunale di Ferrara n. 5 del 2005 - Realizzato da: skande.com | Powered by ITestense
Direttore responsabile: Marco Zavagli - Redazione: Scoop Media Edit - via Alberto Lollio, 5 - 44121 Ferrara - Tel. 0532 1864180 - Fax 0532 1864181 - INVIO COMUNICATI
Editore: Scoop Media Edit soc. coop. - via Lollio, 5 - 44121 Ferrara - Tel. 0532 1864180 - Fax 0532 1864181 REA/R.I.: 195108 - P.IVA/C.F.: 01755640388 - C.S.: EUR 6.125 i.v.
Registro op. Comunicazioni (ROC) nr.: 20627