sab 17 Dic 2011 - 210 visite
Stampa

Presidio contro il circo Orfei

La sezione di Ferrara ha organizzato un presidio davanti alla struttura circense

Dal 13 dicembre il circo Orfei si è attendato a Ferrara per proporre lo spettacolo degli animali dopo aver ottenuto dal Tar l’annullamento dell’ordinanza ‘anti Circo’ approvata, quasi un anno fa, del sindaco Tiziano Tagliani. L’Oipa Ferrara ha così organizzato un presidio di fronte al circo “per informare e sensibilizzare – si legge in una nota stampa – riguardo alla condizione degli animali sfruttati nei circhi, invitando i concittadini a scegliere gli spettacoli circensi che si basano sulla bravura umana e non sulla sopraffazione e tortura dell’animale”.

«Qualunque persona intelligente che abbia visto anche solo un documentario su questi animali in natura intuisce che non è possibile, ad esempio, farli alzare sulle gambe o saltare da uno sgabello all’altro, senza averli terrorizzati – affermano i sostenitori di Oipa – : i domatori piegano la volontà degli animali attraverso violenze e privazioni. I domatori che sostengono il contrario facciano vedere i loro metodi, dal momento in cui l’animale arriva al circo, non domato, al momento in cui lo piegano alla propria volontà. Anche durante gli spettacoli, non è difficile notare che gli animali sono terrorizzati: spesso i leoni strisciano sulla pancia, con le orecchie abbassate indietro, ringhiando sommessamente».

«La potente lobby dei circhi è riuscita ad essere esente dalla legge che dal 1996 vieta in Italia la detenzione di animali come le tigri, appartenenti alla lista di fauna ‘pericolosa’ – continuano gli animalisti – . Tutta questa sofferenza è inutile ed è un retaggio obsoleto di tempi in cui l’uomo non aveva ancora sviluppato il rispetto della dignità dell’essere umano, e di conseguenza nemmeno verso gli animali. L’insegnamento che viene dato ai bambini che assistono a questo tipo di ‘spettacolo’ è lo sdoganamento della violenza e del sopruso, oltre a mostrare gli animali completamente snaturati e decontestualizzati dal loro habitat».

Prima serata di presidio è stata quella del 14 dicembre. Da allora la protesta si ripete un’ora prima di ogni spettacolo in programma fino a domenica. Nell’organizzazione della manifestazione partecipano anche Ferrara Veg e Venus in Fur, e parteciperanno, in diversa misura, altre associazioni locali, Avedev, A coda alta, Lav, Animal Liberation, Gas e Lida.

Stampa
  • mb

    sono da sempre convinta che qualsiasi spettacolo che coinvolga animali è anacronistico, ingiustificato e ingiustificabile. Non ci si può divertire sulla sofferenza di altri esseri viventi. Si sono compiuti tanti progressi che ci permetono di vivere come mai nella storia dell’umanità si è potuto fare, eppure non si riesce a governare l’istintiva voglia di soggiogare, dominare, violentare chi è più indifeso. E voglio augurare a tutti quelli che ancora inneggiano a questi “spettacoli” , di arrivare a gustare la gioia immensa che si raggiunge quando si ha rispetto della vita, in qualsiasi forma essa sappia magicamente manifestarsi. Aprite gli occhi e il cuore, vi farebbe tanto ,ma tanto bene! E tutto il mio sostegno a chi si sta impegnando attivamente per questa causa:grazie e ancora grazie e auguri di ogni bene .

  • Pingback: Contestati i circhi in tutta la regione: “Basta con lo sfruttamento degli animali” | Davide Turrini | Il Fatto Quotidiano()

  • Pingback: L’Emilia Romagna contesta i circhi « dariavegan()

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi