Gio 21 Lug 2022 - 757 visite
Stampa

Un ricordo di Luca Serianni (1947-2022)

Chi era, è, e continuerà ad essere Luca Serianni, e cosa rappresenta per la conoscenza critica della lingua italiana, non devo certo dirlo io: un articolo nei giorni scorsi, su uno dei massimi quotidiani nazionali, impiegava una quindicina di righe per illustrarne il curricolo.

Mi limito a un ricordo personale.

Era la seconda settimana di novembre del 2010; una libreria romana aveva organizzato un dibattito sulla cosiddetta riforma Gelmini. In attesa dell’orario d’inizio (anche Serianni aveva il vizio gentile di arrivare in anticipo agli appuntamenti: un vizio raro, purtroppo), dopo esserci salutati, gironzolavamo fra i libri. Arrivò mio cognato, tifoso romanista, e ci mettemmo a scherzare sulla conferenza stampa della precedente domenica dell’allora allenatore della Roma Claudio Ranieri, che aveva baccagliato con i giornalisti dismettendo il suo aplomb britannico e dando voce al suo essere romano – anzi, testaccino – con una battuta fulminante: “Ma che ve state a’ attacca’ ar fumo d’a pipa?

Al sentire la battuta Seranni alzò la testa, si girò vero di noi (mi sembra di ricordare che avesse la pipa e se la fosse tolta di bocca), si intromise cortesemente nella chiacchierata familiare, si fece ripetere la battuta, chiese se era caratteristica del Testaccio, e se la appuntò su un taccuino che aveva immediatamente estratto dalla tasca della giacca.

Tutto qui: Luca Serianni, forse la massima (senz’altro una delle massime) autorità in materia di lingua italiana, le parole le raccoglieva una per una dalla strada, armato di penna e taccuino, tal quale le parole elevate dei letterati.

L’autorevolezza dall’alto e la produzione dal basso della lingua si incontravano, in quella battuta annotata sull’agendina di lavoro, nel pari valore retorico attribuito dall’interprete e atteso dal parlante. Come scrisse David Foster Wallace (recensendo un dizionario!), questo è il massimo di democrazia che possiamo attenderci, oggi.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa