Gio 14 Lug 2022 - 1095 visite
Stampa

“Questa è la terra che hai lasciato, Leo”

Domani (oggi, 14 luglio) alle 15.30 a San Benedetto salutiamo il piccolo viaggio di Leo.
E che cosa vuoi che sia? Diranno i nostri manichini di gomma? Cosa vuoi che sia? In fondo si tratta di un giovane che assumeva sostanze stupefacenti e aveva una famiglia di separati. Certo che cosa vuoi che sia…qualcuno dice che si è suicidato, certo, un ragazzo pieno di entusiasmo imploso, un altro ragazzo, l’ennesimo ragazzo che si getta dall’alto perché ha preso la strada sbagliata. E in un mondo in cui la colpa è sempre dell’altro, fino a che non capita che è il tuo di figlio la vittima, sono gli altri che hanno sbagliato. E tu genitore, maestro, medico, uomo hai fatto tutto il possibile ma non è stato abbastanza.
E cosa vuoi che sia se ti chiamano da un ospedale rinomato dove tu padre e tu madre prendi il fiato che occorre alle corse folli a cui la vita ti sottopone, perché dici a te stessa, qualcuno si prende cura della mia creatura che non sta bene…cosa vuoi che sia se qualcuno, magari avesse un nome e un cognome e un principio di responsabilità, ti chiama e ti dice “suo figlio si è suicidato”.
Cosa vuoi che sia se non è vero affatto che si è suicidato?
E cosa ve ne importa a voi che pensate solo che l’unico ad essersi esposto per primo è il sindaco della nostra città, Alan Fabbri, non come politico, ma come uomo, essere umano?
E no, io il like a questo post non lo metto…perché se c’é Alan Fabbri domani io non vado.
Questa è la terra che hai lasciato Leo, e questi sono gli uomini e le donne che non incontrerai più.
Domani alle 15.30 io andrò a salutare Leo e ad augurargli di trovare quello che non ha trovato in questo mondo di gelo e di chiacchiere insensate. E per piacere, vi scongiuro, se verrete mettevi solo l’abito della pietà di cui questo mondo in cui vivono i nostri figli è orfano.
Francesca Boari
Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa