Gio 19 Mag 2022 - 607 visite
Stampa

Mafia nigeriana, anche Facebook utile per identificare gli associati

Un poliziotto ha spiegato in udienza i modi con cui sono stati dati dei volti ai numeri di telefono monitorati

Il pm Roberto Ceroni

Una dettagliata ricostruzione di come i poliziotti sono riusciti a risalire agli utilizzatori dei numeri di telefono monitorati, tra analisi dei documenti, identificazioni e anche ricerche su Facebook per avere ulteriori conferme.

Stefano Perelli della squadra mobile di Ferrara è stato il protagonista dell’udienza di mercoledì 18 maggio del processo contro la mafia nigeriana a Ferrara, ripreso dopo circa un mese di stop. Per ogni nominativo, rispondendo alle domande del pm Roberto Ceroni,  Perelli ha ripercorso il modo con il quale gli investigatori sono riusciti ad attribuire con certezza un nome alle voci ascoltate e ai numeri di telefono dai quali provenivano.

E anche a ricostruire un legame con l’organizzazione dei Vikings/Arobaga, il cult che aveva assunto il dominio a Ferrara, e i collegamenti con Padova e Torino: nel capoluogo piemontese stava il vertice nazionale dell’organizzazione. Ad esempio, Facebook ha aiutato in ciò nel caso di Popori, il soprannome col quale è conosciuto Favour Akhibe, uno dei personaggi di maggior rilievo nell’organizzazione: era uno ‘skullguard’ con un importante potere direttivo nei vari territori e gestiva il ‘forum’ delle comunicazioni interne e aveva contatti con la casa madre in Nigeria. Sul suo profilo, i poliziotti hanno rilevato l’uso di simboli propri dei Vikings, come l’àncora.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa