Sab 7 Mag 2022 - 1564 visite
Stampa

Arrivano 20 milioni del Pnrr per tre nuove scuole a Cento, Goro e Ferrara

Finanziamenti approvati dal Ministero dell'Istruzione per realizzare nuovi edifici all'avanguardia

Le scuole Manzoni a Ferrara

Oltre 20 milioni di euro arrivano dal Ministero dell’Istruzione, con fondi del Pnrr, per la costruzione di tre nuove scuole all’avanguardia a Ferrara, Cento e Goro.

I progetti presentati dalla tre amministrazioni sono infatti tra quelli ammessi a finanziamento: solo il progetto di Lagosanto (da oltre 3 milioni di euro), tra quelli della provincia estense, non ha ottenuto un punteggio sufficiente per riuscirci.

Il finanziamento più corposo – 9.310.140 euro – arriva per la costruzione della nuova scuola di Casumaro, a Cento. La notizia è ovviamente accolta con molto entusiasmo dal sindaco Edoardo Accorsi: “Iniziamo a cogliere i frutti del grande lavoro della giunta di questi primi sei mesi. Lavoro che è possibile grazie allo straordinario impegno di tutto il personale del Comune di Cento che voglio davvero ringraziare. Ora di nuovo a rimboccarsi le maniche per rispettare le strette scadenze dettate dalle regole del Pnrr”.

Il secondo finanziamento più elevato è quello riconosciuto per la costruzione del nuovo polo scolastico di Goro7.756.000 euro – che prenderà il posto delle scuole esistenti. “È una soddisfazione che il territorio venga considerato, ed è una bella notizia”, afferma non senza un po’ di emozione la sindaca Marika Bugnoli. Il progetto prevede la nuova costruzione di un polo che comprende sia la scuola d’infanzia che la primaria e la secondaria, con laboratori, palestra, area cortiliva attrezzata e parcheggio che sorgerà nello spazio dove oggi c’è la scuola materna, che verrà demolita. “Il progetto completo – spiega la sindaca – prevede anche la costruzione, insieme al plesso della materna, anche del nido che è candidato a altra linea di finanziamento”.

Il terzo finanziamento è quello del capoluogo: 3.254.000 euro che serviranno per la realizzazione della nuova scuola che prenderà il posto dell’istituto Manzoni, che dunque verrà ‘delocalizzato’. “Una notizia a cui tenevamo particolarmente – dice il sindaco Alan Fabbri -, che conferma l’enorme impegno che stiamo mettendo in campo per attrarre le risorse del Pnrr. Gli stanziamenti ottenuti si aggiungono infatti agli oltre 40milioni complessivamente già intercettati a favore della città, delle riqualificazioni, della rinascita di luoghi dimenticati, dei progetti innovativi. Stiamo quindi lavorando per cogliere tutte le opportunità di una sfida epocale, le opportunità che i fondi europei mettono in campo”, afferma ancora Fabbri sottolineando come Ferrara sia stata scelta e inserita tra i soli, circa, 190 Comuni selezionati in Italia, di cui 21 in Emilia-Romagna.

“Il segno della bontà della proposta, della capacità di concretizzare idee innovative”, aggiunge, ringraziando “gli assessori Andrea Maggi (Pnrr) e Dorota Kusiak (Istruzione) e la task force comunale, specificamente assegnata agli obiettivi del Pnrr, che riunisce professionalità trasversali e di grande valore”.

L’attuale scuola Manzoni rimarrà pienamente attiva e a disposizione degli studenti fino alla completa realizzazione del nuovo plesso, a quel punto si procederà con il trasferimento nei nuovi locali, con la demolizione del vecchio plesso e con la generale riqualificazione dell’intera area. “Lavoriamo per dare agli studenti e alle famiglie un’edilizia scolastica efficiente e all’avanguardia. Il felice successo della candidatura delle Manzoni, infatti, si associa alla presentazione di altri progetti, relativi a diverse Missioni del Pnrr. Cito ad esempio i 12 progetti di riqualificazione destinati a 11 scuole ferraresi che il Comune di Ferrara ha candidato, a febbraio, ai bandi della Missione 4 e della Missione 2”, conclude il sindaco.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa