Lun 31 Mag 2021 - 689 visite
Stampa

Laghi di Garda, Iseo ed Idro: vicini ma con anime molto diverse

Garda, Iseo e Idro, tre laghi straordinari in provincia di Brescia, che  dopo tanti mesi di chiusura, a causa della pandemia, sono ponti a ripartire ed accogliere turisti e visitatori. Oltre ad essere unici e stupendi, sono anche i luoghi perfetti per fare una ricarica di energia e di emozioni, per vacanze ritempranti, divertenti, tutte da ricordare. Inoltre da tutti e tre si raggiunge in breve tempo Brescia, città moderna e vibrante, trendy e contemporanea. Un museo diffuso da scoprire vagabondando senza fretta in un itinerario fra piazze, palazzi e straordinari tesori storico artistici, inframezzato da shopping in eleganti boutiques, tappe in gallerie d’arte e antiquari, aperitivi nei locali di tendenza e soste gourmet in ristoranti di grido. 

L’eleganza del Lago di Garda

Con i suoi 370 km quadrati di superficie, il Garda è il più grande lago d’Italia. Una sorta di piccolo mare, incastonato fra le ultime propaggini delle Alpi e la pianura padana.  La sua bellezza, gli straordinari panorami, il clima mediterraneo e la connaturata ospitalità hanno incantato personaggi del calibro di Goethe, Mann e Kafka. Oggi la sua atmosfera glamour, il suo fascino senza tempo mixato a un ricchissimo caleidoscopio di proposte sportive e di vita attiva, divertimenti e attività per grandi e piccoli, ne fanno una delle destinazione italiane più amate dai turisti.

Le sue rive, baciate da un clima mite e mediterraneo, sono punteggiate da spiagge stupende, libere ed attrezzate,  caratteristici borghi e incantevoli cittadine (quali Sirmione, Desenzano, Salò, Gardone Riviera, Limone sul Garda) e da una straordinaria serie di tesori d’arte e storia quali ad esempio i resti delle ville romane di Sirmione (le famose Grotte di Catullo) e venerati luoghi di culto come il Santuario di Montecastello, l’Eremo di San Valentino a Gargnano e l’Abbazia di Maguzzano a Lonato. 

Parimenti straordinaria la sua vegetazione mediterranea, lussureggiante di olivi, limoni, palme, oleandri, viti e di assoluta qualità i prodotti che ne derivano e per i quali il Garda è noto a livello internazionale, ad iniziare da olio e vino. Per il benessere, le storiche Terme di Sirmione sono fra le più importanti realtà termali italiane. Alle suggestioni del mare il Garda unisce il fascino della montagna e della natura intatta del suo entroterra, protetta per larghi tratti da parchi e riserve. 

Per la prossima estate ha anche in serbo tante novità per i visitatori. Fra queste si ricordano gli eventi legati al Centenario del Vittoriale, la dimora che Gabriele D’Annunzio si fece costruire nel 1921 a Gardone Riviera, oggi museo fra i più visitati in Italia. 

E poi la Sala immersiva alla Rocca di Lonato (che avvolge i visitatori con straordinarie immagini del castello e di luoghi del lago con insediamenti medievali ) e le visite virtuali  al complesso della Fondazione Ugo Da Como con occhiali Artglass, che fanno fare ai visitatori un viaggio all’indietro nel tempo. Inoltre, dal 10 luglio al 16 agosto,  i magnifici giardini di Villa Cavazza sull’Isola del Garda fanno da cornice alla mostra open air In Wonder(is)land, con 9 installazioni multimediali di grandi dimensioni e la partecipazione speciale dell’artista svizzera Pipilotti Rist particolarmente attiva nel campo della video arte. Infine ispirata ad  Alice nel Paese delle Meraviglie, è la prima mostra del MAI Museum, l’open air museum creato da Vera Uberti, artista italo-brasiliana radicata in Italia.

Il fascino discreto del Lago d’Iseo

Dal 2016 il Lago d’Iseo è conosciuto in tutto il mondo come il lago di Christo. Infatti nell’estate di quell’anno il celeberrimo artista, scomparso lo scorso anno, lo scelse per la sua l’installazione “The Floating Piers”: una passerella lunga tre chilometri e composta da 200 mila cubi di polietilene ricoperti di tessuto giallo dalia, che per due settimane ha collegato la cittadina di Sulzano con Monte Isola e l’isoletta di San Paolo. Così il fascino romantico del lago e l’unicità di Monte Isola, la più alta isola lacustre d’Europa e la più grande di tutta l’Europa centro-meridionale, sono stati scoperti e apprezzati da visitatori giunti da ogni angolo del mondo.

Come è noto, ogni lago è un mondo a sé e quello d’Iseo è tra i più affascinanti e romantici per la mutevolezza del suo paesaggio, per l’anfiteatro dei monti, per Monte Isola che ne spezza la liquida continuità e s’innalza verdissima sulle acque.  

Qui, natura e servizi sono complementari: hotel di charme e piccole pensioni, tradizione gastronomica, atmosfera familiare e discreta. Questo è anche il luogo ideale per chi ama vela e windsurf, parapendio e deltaplano, ma anche per chi da una vacanza chiede sport, relax e natura intatta.

Sono anche tantissimi, e per tutte le esigenze, i percorsi per passeggiate e bike. Una delle escursioni più spettacolari e panoramiche si snoda nella Riserva Naturale delle Piramidi di Zone: i maestosi pinnacoli sormontati da un macigno sono le piramidi di erosione più imponenti d’Europa. Per chi ama il camminar lento, l’antichissimo tracciato della Via Valeriana conduce alla scoperta di inaspettati tesori storico-artistici e scenari unici. 

Agli appassionati delle due ruote, sono assicurate pedalate indimenticabili sul tratto lacustre della Ciclovia dell’Oglio (ciclabile più bella d’Italia agli Italian Green Road Awards 2019): particolarmente scenografico il tratto fra Vello e Toline. 

Poco oltre, verso la Franciacorta, trovano spazio campi da golf, vigneti da cui proviene l’omonimo e prestigioso vino, re italiano fra i vini rifermentati in bottiglia, e il fascino romantico del Monastero di San Pietro in Lamosa, affacciato sulla Riserva naturale delle Torbiere, che ci riporta alle atmosfere dell’Anno Mille. 

La prossima estate, a cinque anni da “The Floating Piers”, il Lago d’Iseo torna protagonista dell’arte contemporanea con Mirad’Or, un piccolo padiglione su palafitte progettato a Pisogne da Mauro Piantelli e destinato ad accogliere opere e installazioni d’artisti di fama internazionale. Grazie alla sua posizione e alla sua conformazione,  è fruibile di giorno e di notte dal lungolago di Pisogne così come dalle sponde opposte, dall’esterno, dall’interno, dall’acqua. Le prime quattro opere luminose di Daniel Buren sono già visitabili dallo scorso 24 aprile e lo rimarranno fino al prossimo 30 settembre.

Lago d’Idro, natura incontaminata, sport e plein air

Amatissimo dai giovani e dagli sportivi, a 368 metri d’altitudine, il Lago d’Idro è il più alto tra i laghi prealpini lombardi e rappresenta la meta ideale per chi è alla ricerca di vacanze en plein air nella natura incontaminata lontano dalla folla, fra camping e villaggi attrezzati anche per il glamping, le passeggiate nel verde, sport slow ed estremi, attività all’aria aperta. 

Incastonato fra le montagne della Valle Sabbia e le Prealpi, è accarezzato da un vento costante che permette di praticare vela, surf e kitesurf. 

Le montagne che lo circondano sono la palestra ideale per gli amanti di mountain bike, ferrate sulla roccia, parapendio, canyoning e attività all’insegna della dinamicità e dell’adrenalina. Tra gli itinerari escursionistici più interessanti, l’Alta Via dei Forti che ripercorre le linee di fortificazione della Prima Guerra Mondiale tra trincee e gallerie scavate nella roccia lungo il periplo del lago. 

Divertente per grandi e piccoli, il Parco delle Fucine di Casto tra ruscelli e cascate con rocce a strapiombo, offre itinerari con ponti tibetani, pareti per arrampicate, percorsi attrezzati per trekking e mountain bike. 

Da non perdere, quest’anno che si celebra il bicentenario della morte di Napoleone, una visita alla Rocca d’Anfo, possente complesso di fortificazioni a strapiombo sul lago, che si estende per ben 50 ettari: la rocca più antica è quella veneziana, a sud; l’altra napoleonica, che orla la parte settentrionale della montagna, è la più grande fortezza napoleonica d’Italia.

Ulteriori info: www.visitbrescia.it 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa