Gio 19 Nov 2020 - 673 visite
Stampa

Sanitari, da eroi a terroristi

Senza troppi giri di parole non ha molto senso che da eroi della “prima” pandemia i sanitari possano passare a diventare cospiratori e terroristi nella seconda fase della stessa, con assurde teorie complottiste sul loro ruolo, oggi che sono alle prese con un’infezione dai numeri più importanti, grazie anche alla allegria con cui si è trascorso il periodo estivo 2020 ed alla mancanza di una valida programmazione a livello statale e regionale delle soluzioni alle problematicità che sarebbero occorse durante la seconda ondata dell’autunno di quest’anno, omettendo per scaramanzia la terza, prima che la maggioranza della popolazione sia stata vaccinata entro il 2021.

Sarebbe il caso che certe aggressioni, verbali e fisiche, avvenute anche nella nostra provincia nei confronti di medici e paramedici additati ad “untori”, ma non solo (penso alla Campania), trovassero uno sbocco naturale in sede processuale con qualche provvedimento esemplare (ad esempio affidamento dei negazionisti violenti alle associazioni di volontariato magari in supporto agli addetti alle emergenze Covid).

Dispiace che per i casi più gravi ad esito infausto non si riesca a stare vicino ai propri cari, ma il rischio di far contrarre l’infezione ad altri familiari è troppo alto e la salute di chi non è ancora malato viene prima di tutto: in questa situazione non spetta a chi soccorre in emergenza trovare delle soluzioni che possano far sentire al malato l’affetto dei propri cari.

Sarebbe il caso di usare cautele ancora maggiori tra congiunti durante le Festività di Fine Anno per evitare un ulteriore terza fase tra febbraio e marzo.

Lettera firmata

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa