Mar 15 Set 2020 - 362 visite
Stampa

Verso le elezioni: sindacati allarmati dalle “promesse fuori scala” dei candidati

Cgil, Cisl e Uil chiedono più pragmatismo e disponibilità alla collaborazione ai futuri amministratori di Bondeno e Comacchio e ricordano il patto sottoscritto a livello provinciale nel 2018

Meno proclami roboanti e più progetti pratici e realizzabili. Potremmo riassumere così l’appello dei vertici provinciali di Cgil, Cisl e Uil ai candidati sindaci di Bondeno e Comacchio, i comuni ferraresi che il prossimo fine settimana saranno chiamati al voto e nei quali in queste settimane si stanno consumando accesi dibattiti elettorali.

Dibattiti che secondo i principali sindacati in diverse occasioni hanno sconfinato negli attacchi personali e in “promesse populiste”, in particolare quando l’argomento della discussione è virato su questioni tecniche o non di pertinenza diretta dei Comuni, come nel caso dell’organizzazione delle strutture sanitarie. “Chi si candida – afferma la segretaria provinciale Cisl, Bruna Barberis – ha la responsabilità di fare un’analisi attenta e precisa della situazione, e non di parlare alla pancia degli elettori. Questa provincia rimane il fanalino di coda della regione e tra i diversi Comuni ci sarebbe bisogno di più collaborazione e meno protagonismo”.

I sindacati parlano a entrambi gli schieramenti, con il segretario della Uil Massimo Zanirato a condannare uno “spettacolo indegno” che ha visto episodi di “manifesti elettorali stracciati e insulti sui social network per accaparrarsi qualche voto in più”. Un dibattito che secondo il sindacalista rende più confuso e ideologico anche l’approccio ai temi più delicati: “In questi giorni abbiamo sentito i candidati parlare di problemi che riguardano il governo nazionale o le Regioni, come le politiche economiche e industriali. A Bondeno si discute addirittura dell’apertura di un pronto soccorso, come se si trattasse di una decisione che spetta a un sindaco, e non alla Regione. Proprio in un momento in cui bisognerebbe dare un segnale di coesione e programmazione territoriale, visto che mentre si fanno questi proclami la Conferenza Socio-Sanitaria in cui siedono tutti i sindaci della provincia non ha ancora concordato un piano unitario per la gestione del Covid”.

Insomma: il timore neanche troppo velato dei sindacati è che alle promesse irrealizzabili o “fuori scala” della campagna elettorale faccia seguito una sostanziale stasi, una volta concluse le elezioni e insediate le nuove amministrazioni. Per questo l’appello riprende direttamente il “Patto per il lavoro Focus Ferrara” proposto dagli stessi sindacati nel 2018 e all’epoca sottoscritto da Regione, associazioni di categoria e da tutti i Comuni della provincia, che fissa sette punti cardinali per il territorio ferrarese: dall’applicazione dei contratti collettivi di lavoro alla risoluzione del “gap infrastrutturale” rispetto alle province emiliano-romagnole, che continua a penalizzare il territorio ferrarese e per cui “ci sarebbe bisogno di più collaborazione tra i diversi sindaci”. Ma le proposte riguardano anche le politiche sociali e la programmazione sanitaria, le politiche ambientali e il welfare all’interno dei luoghi di lavoro, “vera innovazione contenuta nel patto sottoscritto coi sindaci”.

“Le proposte contenute in quel patto – è la sintesi del segretario Cgil Cristiano Zagatti –, come nel caso del welfare territoriale, rappresentano anche un’occasione per creare delle nuove economie, dando risposta a nuove richieste di servizi. Ma occorre un progetto amministrativo con una visione più ampia rispetto ai confini dei singoli comuni. Le promesse dei candidati devono trovare la giusta dimensione e non bisogna dimenticarsi del confronto, come avvenuto nel caso della nuova area maxiparcheggio a Bondeno, per la quale non abbiamo avuto alcun piano o programmazione economica”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi