Dom 21 Giu 2020 - 843 visite
Stampa

Aeroporto di Bologna: nuove regole per il terminal passeggeri

Dal 22 giugno cambiano le regole di accesso al terminal passeggeri dell’Aeroporto di Bologna. Le nuove disposizioni si sono rese necessarie in applicazione delle vigenti norme anti-Covid ed in ragione del costante incremento dei voli. Non bisogna dimenticare che lo scalo emiliano, situato nel cuore della food valley e dei distretti industriali dell’automotive e del packaging, è a livello nazionale il settimo aeroporto per numero di passeggeri, con 9,4 milioni di passeggeri nel 2019 ed il quarto per connettività mondiale.

In ragione delle nuove regole possono entrare in aeroporto solo i passeggeri muniti di regolare titolo di viaggio e gli operatori aeroportuali. Gli accompagnatori invece dovranno restare all’esterno del terminal. Unica eccezione prevista è per i viaggiatori minorenni e a ridotta mobilità, che potranno essere accompagnati all’interno della struttura.

Inoltre, per garantire la separazione tra passeggeri in arrivo e quelli in partenza, è stata disposta l’attivazione di porte separate per i due flussi. Per chi entra nell’aerostazione, le porte disponibili sono la “main entrance” al piano terra e la porta di fronte al negozio Ferrari al primo piano. In uscita, è stata aperta un’unica porta dedicata, di fronte al supermercato Carrefour al piano terra. È presente una nuova specifica segnaletica che delinea i nuovi percorsi.

Alle porte di ingresso del terminal, tutte le persone in entrata (passeggeri e operatori aeroportuali) vengono sottoposte al controllo della temperatura corporea tramite termoscanner. Qualora la temperatura rilevata superi i 37,5°C, si procederà ad nuova misurazione dopo alcuni minuti e, qualora la stessa risultasse ancora superiore ai 37,5° sarà precluso l’accesso al terminal ed alle altre infrastrutture aeroportuali.

Rimangono attivi anche i controlli della temperatura previsti già dall’inizio della pandemia per i passeggeri agli Arrivi Schengen ed Extra-Schengen. Tale attività – in precedenza effettuata al Marconi da volontari della Protezione Civile Regionale con il coordinamento dell’Ufficio di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera del Ministero della Salute – dallo scorso 15 giugno è svolta da addetti di Aeroporto di Bologna, sotto la vigilanza e responsabilità dell’Autorità sanitaria.

Rimangono invece invariate le regole di base definite per tutti: obbligo di indossare correttamente la mascherina di protezione, rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro ed igienizzazione frequente delle mani.

All’interno dello scalo sono stati installati più di 100 erogatori di gel igienizzante, barriere in plexiglass in tutti i banchi check-in ed in tutti i gate di imbarco, pannelli separatori sulle sedute e segnaletica a pavimento per il mantenimento delle distanze negli accodamenti.

Tutte le aree interne vengono pulite e disinfettate più volte al giorno con sostanze a base di cloro. Sono inoltre effettuati interventi periodici di igienizzazione dei carrelli portabagagli e delle vaschette portaoggetti utilizzate ai controlli di sicurezza. I sistemi di aerazione del terminal passeggeri e di tutti i locali ed uffici aeroportuali, che posseggono filtri ad alta efficienza in corrispondenza delle aree a maggior densità di persone, vengono sanificati con prodotti specifici e garantiscono una presa d’aria costante dall’esterno, con flussi indirizzati dall’alto verso il basso.

Per garantire l’osservanza delle procedure sanitarie e di sicurezza sopra descritte, i tempi di imbarco potrebbero risultare superiori all’ordinario. Per tali ragioni le autorità aeroportuali invitano i passeggeri a presentarsi in aeroporto con un anticipo di almeno due ore rispetto all’orario di partenza del volo e di seguire comunque sempre le indicazioni fornite dalla compagnia aerea.

Infine si consiglia di consultare sempre, prima di recarsi in aeroporto, il sito internet dello scalo bolognese: www.bologna-airport.it.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi