Mer 20 Mag 2020 - 201 visite
Stampa

Sport di base. Maggi: “Difficilmente le società raggiungeranno equilibrio economico”

L'assessore ha fatto il punto in commissione consiliare, il Comune pensa a un fondo da 60mila euro e all'azzeramento dei canoni per le associazioni come primi interventi

Il futuro prossimo per le associazioni sportive rimane fumoso e incerto e una conferma arriva anche dalla commissione consiliare sullo Sport convocata (in videoconferenza) per un’informativa sulla situazione da parte dell’assessore Andrea Maggi.

“Il vero problema è che difficilmente con queste prescrizioni (quelle sul distanziamento e le altre previste dai dpcm per il contenimento dell’epidemia, ndr) le società potranno raggiungere un equilibrio economico – osserva Maggi -. I gestori faticheranno a tenere aperto, qualcuno paventa di non riuscire ad aprire.  È un danno molto elevato: lo sport di base ha una valenza sul benessere delle persone che va oltre ogni considerazione economica, commerciale o di bilancio”.

Cosa fare dunque? “Abbiamo messo a disposizione 60mila euro con un bando che andrà in giunta la settimana prossima per finanziare progetti che tutte le società sportive ed enti promozione sportiva potranno presentare”, spiega l’assessore. L’idea è “poter finanziare fino al 90%” degli importi necessari, fino a 5mila euro per progetto, oggetto di valutazione da parte di una commissione “secondo criteri chiari e trasparenti” che punteranno all’innovatività delle proposte che guardino a giovani, bambini anziani e disabili.

Il fondo non è un granché come dimensione, lo ammette anche Maggi: “È una goccia in mezzo al mare, è il primo provvedimento tampone”, spiega (anche se poi con un po’ di fastidio negherà di aver parlato di soluzioni tampone).

Un altro intervento, ma che deve essere ancora presentato, “riguarda i canoni di concessione che sono stati sospesi. L’orientamento, compatibilmente con il bilancio, sarebbe, laddove possibile, di annullare i canoni delle concessioni per gli impianti sportivi. Lo dico con il condizionale. Spero ci siano le condizioni perché questo venga approvato”.

Dall’opposizione Simone Merli – ex assessore allo Sport proprio prima di Maggi – propone sul punto di allungare tutte le concessioni di 2 anni, “per aiutare le società”. Interventi si registrano anche da parte di Luca Caprini (Lega), Paola Peruffo (Fi), Tommaso Mantovani (M5S) e poi Davide Bertolasi Aldo Modonesi, Ilaria Baraldi e Caterina Ferri del Pd che allunga il pacchetto di richieste oltre a quelle di Merli, chiedendo, tra le altre cose, il mantenimento dei contributi per eventi sportivi che sono rendicontabili e che non si sono potuti svolgere o svolgeranno, la rinegoziazione dei canoni di concessione, la revisione dei piani economici dei project ed altre tipologie di investimento fatte dalle società nella gestione degli impianti, organizzare attività all’aperto nei parchi e nelle aree verdi per bambini e ragazzi in collaborazione con le società sportive e  che il Comune si accolli i costi di sanificazione.

Si parla anche di un piano strategico per lo sport di base, sul modello Bologna, ma ci si incarta un po’ sul finanziamento (soldi che arrivano e non arrivano dalla Regione e dallo Stato) e sulle reali possibilità d’azione da parte delle società: “Il dpcm – ricorda più volte Maggi – è stato pubblicato solo due giorni fa”.

“Nei prossimi giorni convocherò una consulta dello sport – promette infine l’assessore -. Oggettivamente con una situazione così in divenire è un po’ complicato prendere una posizione”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa