Sab 14 Mar 2020 - 2319 visite
Stampa

Disposta l’autopsia sul corpo di Samuel Okocha

È un intenso e delicato lavoro di ricostruzione quello che gli inquirenti stanno effettuando per venire a capo della morte e del ritrovamento del 33enne sulla SS16

La vittima Samuel Okocha

La vittima Samuel Okocha

È un intenso e delicato lavoro di ricostruzione quello che gli inquirenti stanno attuando per venire a capo della morte di Samuel Okocha, l’uomo di 33 anni trovato privo di vita sulla Statale 16 giovedì mattina.

I carabinieri, coordinati dalla sostituta procuratrice Barbara Cavallo, hanno sentito diverse persone, tra le quali anche un familiare della vittima. Nel frattempo la procura ha disposto che vengano eseguiti gli accertamenti autoptici sulla salma custodita nell’istituto di Medicina legale di Ferrara che dovrà determinare se le lesioni da contusione riscontrate nel cadavere abbiano realmente causato anche la morte del giovane e di che natura siano.

Okocha faceva l’imbianchino, risiedeva formalmente a Bologna in una comunità, ma stava lavorando nel Ferrarese nell’ultimo periodo. Probabilmente è proprio per questo che il 33enne aveva trovato un appoggio a Ferrara, già individuato dai militari del comando provinciale.

Quello che, allo stato, appare come un omicidio rimane è ancora un rebus, per risolvere il quale appare necessaria anche una collaborazione da parte dei gruppi che compongono le comunità nigeriane sia di Bologna che di Ferrara.

C’è poi la questione del luogo del ritrovamento del corpo: il cadavere di Okocha è stato trasportato sulla SS 16, scaricato da un’automobile o da un camioncino e lasciato lì probabilmente per essere trovato (ed è un altro elemento al vaglio), con i documenti in tasca. Anche per questo gli inquirenti stanno visionando tantissime immagini delle telecamere di sorveglianza nella speranza d’individuare il mezzo di trasporto usato e magari risalire all’autore o agli autori.

La vasta comunità nigeriana ferrarese – che conta circa 3.200 persone – è naturalmente molto scossa per il fatto. “In tanti si sono interessati, è una cosa shockante – spiega Evelyn Aghom, rappresentante dell’associazione nigeriana, che conta 25 iscritti e si occupa di mediazione tra i membri della comunità e la città -. Faceva parte del gruppo etnico degli Ika che insieme ai pastori si sta muovendo per un eventuale aiuto alla famiglia e cercare di capire cosa sia successo. In tanti su Facebook e su Whatsapp fanno circolare la sua foto”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi