Dom 9 Feb 2020 - 3444 visite
Stampa

Beer & Food Attraction sta per alzarsi il sipario sull’edizione 2020

La manifestazione, a Rimini Fiera dal 15 al 18 febbraio, è unica nel suo genere. Presente anche un birrificio ferrarese

Beer Attraction cambia nome e diventa Beer&Food Attraction. Un’evoluzione non solo nel nome ma nella sostanza. Infatti quella in programma nei padiglioni fieristici di Rimini dal 15 al 18 febbraio,

vuole rimarcare con il nuovo payoff, “the eating out experience show”, la sua capacità di unire l’intera filiera delle esperienze del mangiare fuoricasa e di attirare sempre di più gli operatori di tutto il mondo dell’Out of Home. Sarà presente anche un birrificio ferrarese, il BiRen (Birrificio Renazzese) di Dosso.

Dopo il taglio del nastro previsto per il 15 febbraio alle ore 11 presso la cupola della Hall Sud, si entra subito nel vivo della manifestazione con il talk su “L’evoluzione dei canali di mercato e dei concetti di ristorazione”, in programma alle 12 nel Food Attraction Lab (Pad. A4), che avrà come speaker Matteo Figura, director Foodservice Italy NPD Group Inc.

Con il passaggio da Beer Attraction a Beer&Food Attraction, si allarga anche il core business della manifestazione, dedicata agli operatori professionali (sarà aperta al mondo dei foodies e beer lovers solo il 15 febbraio), che propone un’offerta completa dell’intera filiera, spaziando dall’universo delle birre di qualità, nazionali e internazionali, al mondo del food per il fuoricasa, fino alle nuove tecnologie del food delivery e alle idee più innovative per l’arredamento per i locali: in pratica tutto quello che c’è da sapere per essere aggiornati sull’universo dell’Out of Home. Come conferma anche la contemporaneità con BB Tech Expo, la fiera professionale delle tecnologie per birre e bevande, che ripropone la formula vincente di “fiera nella fiera” capace di mettere in relazione tutti i produttori di bevande con le aziende di materie prime, tecnologie processing e packaging.

Confermata, dopo il grande risultato della “prima” riminese dell’anno scorso, anche la contemporaneità con l’International Horeca Meeting di Italgrob, evento che sarà aperto sempre sabato 15, alle 14,30 (sala Neri hall sud) dal congresso su “La filiera Horeca nell’era della green economy”, con gli interventi, tra gli altri, di: Vincenzo Caso, presidente Italgrob, Corrado Peraboni, AD di Italian Exhibition Group, Fabio Fava, dell’Università di Bologna e Luca Pellegrini, presidente Tradelab.

L’evento riminese si conferma, come da tradizione, la sede naturale per ospitare la Birra dell’Anno, il concorso brassicolo organizzato da Unionbirrai, dedicato alle migliori birre artigianali italiane, che festeggia la sua quindicesima edizione. La cerimonia di premiazione è in programma il 15 febbraio alle 14 (alla Beer Arena padiglione C3), durante la prima giornata di Beer&Food Attraction, quando sarà annunciato anche il nome del Birrificio dell’Anno.

L’edizione di quest’anno del Concorso ha registrato l´adesione di 302 birrifici artigianali per un totale di 2.145 birre iscritte, un 8% in più rispetto a quelle dello scorso anno. La loro valutazione è affidata a 108 giudici nazionali e internazionali: tra gli italiani molti sono i Beer Tasters, degustatori qualificati provenienti dai corsi Unionbirrai, mentre gli stranieri provengono da Paesi di tutta Europa, ma anche da oltreoceano, in particolare da Stati Uniti, Brasile, Messico e Paraguay.
Alle 41 categorie di birre già previste dal regolamento se ne aggiunge quest´anno un´altra riservata alle 
Sour Italian Grape Ale, birre dalle note acide ottenute dall´aggiunta di uve, mosto, vinacce o vino cotto.

All’interno di Beer & Food Attraction si svolgerà anche la quinta edizione dei Campionati della Cucina Italiana 2020, la più importante e completa competizione italiana per tutte le categorie culinarie. Con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e il riconoscimento della Worldchefs, l´evento è organizzato dalla Federazione Italiana Cuochi in collaborazione con Italian Exhibition Group. Oltre 1.500 cuochi provenienti dall’Italia e dall’estero, centinaia di toques (i tipici berretti degli chef) e giacche bianche saliranno sul palco dei concorsi – singoli ed a squadre – per la cucina fredda, calda, pasticceria da ristorazione e cucina artistica in 4 giorni di gare, con 4 cucine allestite per le competizioni a squadre, 6 laboratori per le gare dei singoli, 45 giudici oltre a giornalisti del settore, per decretare i migliori cuochi italiani di categoria. Tante le novità pensate per la valorizzazione dei prodotti italiani, per educare i cuochi a metodi di lavoro quotidiano basati sulla qualità, sulla tecnica, sul rispetto del territorio, l´attenzione al cibo e allo spreco alimentare.

Infine la manifestazione, nell’anno del centenario della nascita di Federico Fellini, propone un “assaggio” della mostra “Fellini100” dedicata al grande regista, in corso fino ad aprile nel Castel Sismondo di Rimini. Nei videowalls delle aree eventi sarà proiettato il video Fellini100 per tutti i giorni della fiera.

Uno sguardo sulla manifestazione. Dove e quando: Rimini Fiera dal 15 al 18 febbraio. Orari: dalle 10 alle 18,30. Martedì 18 febbraio: dalle 10 alle 17. Prezzo: 35 euro che comprende cinque gettoni per altrettante degustazioni ed un bicchiere con porta bicchiere. L’ingresso è riservato agli operatori di settore. Solo nella giornata di sabato 15 febbraio l’ingresso è aperto anche al pubblico dei beer lovers, foodies e consumatori gourmet.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi