Gio 3 Ott 2019 - 2966 visite
Stampa

Falsi verbali alle Coccinelle. “Mi ritrovai membro nel Cda senza aver mai firmato nulla”

Sentiti i testimoni nel processo contro gli ex amministratori Mirco Rubbi e Paola Coluzzi

“Pensavo che fosse uno scherzo, poi ho fatto una visura camerale e ho scoperto che era proprio così: ero consigliere di amministrazione dal 2010, pur non avendo mai firmato né chiesto nulla”. È il racconto reso mercoledì pomeriggio ai giudici da Valentina Marini, l’educatrice dalla cui denuncia è nato il processo sui falsi verbali alla Acli Le Coccinelle, che vede imputati per il reato di illecita influenza sull’assemblea gli ex amministratori Mirco Rubbi e Paola Coluzzi, fondatrice della coop insieme al marito, l’ex assessore e oggi consigliere comunale d’opposizione Aldo Modonesi.

Marini, che è parte civile nel processo rappresentata dall’avvocato Federico Battistini dello studio Bolognesi,  rispondendo alle domande del pm Fabrizio Valloni ha raccontato di essere venuta a conoscenza della cosa perché delle sue colleghe le avevano rivelato di averlo scoperto facendo a loro volta una visura, preoccupate per i ritardi nel pagamento dei compensi. Scoprì anche che la vicepresidente della coop era una sua collega, Maria Federica Bego, anche lei sentita anche lei in udienza come testimone, era addirittura vicepresidente. Anche lei a sua insaputa, come a loro insaputa altre educatrici risultavano socie, senza aver mai fatto richiesta o accettato di esserlo. E nessuno ha mai dato loro una spiegazione.

Su esplicita domanda della difesa di Coluzzi – avvocato Riccardo Caniato – nessuna delle testimoni ed ex lavoratrici della coop, oggi in liquidazione coatta amministrativa e con passivo ancora di 700mila euro dopo la vendita dei beni mobili e di un ramo d’azienda, è mai stata chiamata a rispondere personalmente dei debiti della società. Il tutto è testo evidentemente a dimostrare che, anche ammettendo la fondatezza delle accuse, nessun profitto personale o per la cooperativa – richiesti esplicitamente dalla norma per configurare il reato – sarebbe sorto dalle condotto considerate illecite dall’accusa. Anche per questo sempre la difesa Coluzzi ha mostrato come l’imputata abbia una vertenza in corso con Veneto Banca (o quel che ne rimane) per ripagare la fideiussione da 36mila euro sottoscritta con l’apertura di un affidamento bancario per la cooperativa.

La difesa Rubbi (avvocato Paolo Pavani) ha invece presentato una consulenza calligrafica per dimostrare che le firme del proprio assistito su due verbali d’assemblea sarebbero false.

Si torna in aula l’11 dicembre per la conclusione dell’istruttoria e l’avvio della discussione.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi