Sab 20 Lug 2019 - 810 visite
Stampa

Condanna in patteggiamento per l’ovulatore che ha rotto la mano al carabiniere

Pena a 1 anno e 10 mesi di reclusione per il 30enne che ha opposto violenta resistenza agli uomini dell'Arma

Ha patteggiato la pena di 1 anno e 10 mesi di reclusione l’ovulatore arrestato giovedì mattina dai carabinieri e che, opponendo resistenza, ha rotto una mano e l’avambraccio al capo equipaggio dell’Arma.

L’uomo, 30enne nigeriano, è stato notato dalla gazzella dei Carabinieri mentre si aggirava con fare sospetto in viale Costituzione. Si è poi dato alla fuga, inseguito a piedi da un militare che lo ha visto mentre sputava su una mano delle palline, che poi lanciava nel parco. Fermato in via Ticcchioni, dopo che il primo bracciale gli è stato chiuso al polso, si è rivoltato bruscamente per darsi di nuovo alla fuga, buttandosi sulla mano e sull’avambraccio del capo equipaggio che purtroppo ha riportato una seria frattura curata presso l’ospedale di Cona con una prognosi di 30 giorni. Ma l’arresto è stato comunque portato a termine, fino alla condanna subita venerdì mattina.

Sempre a proposito di resistenze, un altro arrestato dai carabinieri e che si era rivoltato al controllo in Gad nella giornata di mercoledì (questa volta senza arrecare lesioni a nessuno) ha patteggiato 8 mesi.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi