sab 3 Nov 2018 - 587 visite
Stampa

La Vciàda, “dolcetto o scherzetto” nella tradizione ferrarese

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Carissimi amici miei e del dialetto ferrarese. Oggi vi propongo una pillola tratta da: “La Vciàda”. Si tratta di un’antica tradizione agreste ferrarese, ma pure di tante altre zone della pianura Padana dalla quale gli americani hanno tratto furbescamente “Dolcetto o Scherzetto”.

I nostri avi, in gruppo, nel periodo della Vècia (la Befana) si recavano nelle case di paesani e recitavano, declamando antiche zirudèle ironiche: alcune contenenti corposi doppi sensi. Invece del dolcetto, cercavano di scroccare qualcosa di più corposo: salumi vari, polli, formaggi e vino.

Il filmato che vi propongo, tecnicamente non perfetto, fu girato in occasione di una rappresentazione teatrale voluta e realizzata da Antonietta Mazzanti, bravissima attrice storica della Straferrara, e dal compianto amico mio e del teatro e dialetto ferrarese: il grande Luciano Basaglia.

Proprio per ricordare Luciano, al Rivana Garden in via Pesci 181 a Ferrara, giovedì 6 dicembre alle 21, la direzione del centro del quale Basaglia era consigliere-collaboratore, insieme ad Antonietta Mazzanti, riproporrà “La Vciàda”. Chi ha voglia di circondarsi, per una sera, di antiche tradizioni in dialetto ferrarese, non può farsi sfuggire questa occasione. 

AL CAVADÉNT

Largo che a gh’è al dutór Fracàsa

che di fèr al gh’n’à ‘na càsa.

A gh’ò i fèr par incapsulàr,

par cavàr dént cagnìn e masalàr.

Èl quél ad cióra ch’al vòl via?

A gh’ò un rampón da ferovìa!

Èl at cióta càl birbón?

A gh’ò la vanga o al picón.

Sóta, sóta, la mé vcióna

ché se a tir a pàr ch’a tróna.

Però mi a sént un rumór solèso

ché al pùza più d’un cèso!

Ècal chì al tò bèl dént

ché ‘at dava acsì turmént.

Par lavàrat la gargàta

to d’al sùgh ad brógna fàta,

e se a mal at sént ch’al tìra,

brìśa avér tanta paura,

zércam, viéni a cavàl, vién a pié:

mi t’am tróvi …int l’ustarié !

IL DENTISTA

Largo che c’è il dottor Fracassa,/ che di ferri ne ha una cassa./ Ho i ferri per incapsulare,/par levare i denti canini e mascellari./ È quello sopra che va levato via?/ Ho un rampone da ferrovia!/ È quello sotto quel birbone ?/ Ho la vanga o l piccone./ Sotto, sotto, la mia vecchiona/ che se tiro pare che tuoni./Però io sento un rumore sospetto/ che puzza più d’un cesso!/ Eccolo qui il tuo bel dente/che ti dava tanto tormento./ Per lavarti la gargozza /prendi del sugo di prugna stracotta,/ e se il male senti che continua,/non avere tanta paura,/cercami, vieni a cavallo, vieni a piedi:/ tu mi troverai…nell’osteria!

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi