Ven 16 Feb 2018 - 6082 visite
Stampa

Massoneria e M5S. Spunta il caso del candidato ferrarese Zanforlini

L'avvocato è inserito nel collegio uninominale per la Camera a Rimini: “Non sono un massone, sul passato non è etico rispondere, se no si torna all'Inquisizione”

“Mi sento come un ebreo, un nero, un comunista, un gay. Non sono un massone, ma non rispondo sul passato, non è eticamente corretto, potevo essere anche Belzebù, ma non deve interessare, se no torniamo all’Inquisizione”. Trasudano rabbia e indignazione le parole di David Zanforlini, l’avvocato ferrarese candidato con il M5S a Ravenna nel collegio uninominale della Camera, il cui nome è stato avvicinato da un articolo del Corriere di Romagna a quello della massoneria.

Quello del legale – che non ha partecipato alle Parlamentarie ma è stato contattato direttamente dal M5S – sarebbe il quarto nome di un candidato grillino collegato alla massoneria, dopo i casi che hanno riguardato Lello Vitiello, Piero Landi e Bruno Azzerboni.

“L’ho dichiarato ed è così: non appartengo alla massoneria – dice a Estense.com – ma non posso fornire una prova negativa, è la prova del Diavolo. Chiederò al Grande Oriente e alle altre logge di certificarlo, non so se sarà possibile”. Ma il candidato, che il Corriere di Romagna dà come appartenente – con un ruolo di spicco, anche se ‘dormiente’, dunque non attivo – alla loggia Giordano Bruno di Ferrara e al Grande Oriente d’Italia, non ha alcuna intenzione di rispondere su una sua affiliazione passata: “Sarebbe eticamente scorretto – afferma -, se perdiamo l’etica perdiamo tutto”.

È però la ricerca del candidato massone la cosa che sembra dare più fastidio a Zanforlini: “È il pregiudizio che è terrificante. È un reato appartenere alla massoneria? Gandhi, Washington, Walt Disney, Cavour e Garibaldi erano massoni, fanno schifo? Essere piduista è illecito. Ma la massoneria è un organizzazione lecita? Mi sono laureato in diritto costituzionale e dico che se lo è, allora va tutelata. Se invece vuol dire ‘Ndrangheta ci penserà la commissione parlamentare Antimafia, se no basta, è una roba del secolo scorso”.

“Io – si difende Zanforlini – non sono mai stato condannato in vita mia. Ho ricevuto solo un ammonimento dall’ordine degli avvocati perché avevo inviato una lettera a un magistrato per conto di un cliente che si stava per suicidare, e avevo ragione. Difendo gli indifesi, non ho mai difeso un pedofilo, gli unici due accusati di pedofilia che ho difeso sono stati archiviati, e l’ho fatto per scelta, dopo aver esaminato il caso. Non difendo tutti, non faccio più carceraria dal 1998, quando iniziavano a venire in studio dei mafiosi e non mi andava bene. Mi metto di fianco a persone che reputo innocenti”.

Se il suo futuro da candidato non può essere in bilico – perché la candidatura non può essere più ritirata – lo è il suo rapporto con il M5S: “Mi preme tutelare il Movimento – spiega l’avvocato -. Loro non c’entrano nulla, non hanno nessuna colpa. Tenterò di avere i documenti che dimostrano la mia non appartenenza alla massoneria, se no rinuncerò per correttezza”.

“Mi sono candidato, anche se ci rimetto economicamente, per cambiare delle cose nella legge sugli eco-reati, proponendo una norma di pericolo che oggi non c’é, perché bisogna intervenire prima che le cose accadano, per migliorare la nostra nazione. E poi per cambiare la legge per gli animali: se non volete più vedere gente che bastona i cani per strada bisogna cambiare la legge, perché ancora sono considerati cose – conclude Zanforlini -. Ma se nessuno lo propone in Parlamento, come si fa? Chi lo fa? Con Green Hill io ho cambiato il modo di vedere il benessere animale. I grillini sceglieranno se gli interessa questa storia anziché dare all’Italia delle leggi buone. Chi mi ha infamato intanto tornerà a casa, guarderà i suoi figli negli occhi e gli dirà che ha rovinato una persona e probabilmente anche il loro futuro”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi