mar 30 Gen 2018 - 461 visite
Stampa

Savoir faire alla francese in vacanza

La Francia a Bologna ha presentato le novità turistiche del 2018

Nei giorni scorsi, in un grande hotel nel centro di Bologna, Atout France Italia, la sede italiana dell’Agenzia per lo sviluppo del Turismo Francese, ha presentato le novità del 2018. È stato un viaggio piacevolissimo fra cultura, savoir faire ed arte di vivere ed un invito a scoprire ed, in molti casi, a riscoprire i tanti volti dell’offerta turistica d’Oltralpe. Da nord a sud, da est a ovest la Francia si presenta come la meta “top” di quest’anno e la prima destinazione estera per gli italiani.

Il tema di fondo della promozione di quest’anno è il “savoir faire”, in tutte le sue declinazioni: l’artigianato d’arte, il design, la moda, la gastronomia, la bellezza. Un savoir faire che ha reso famosi nel mondo prodotti e tradizioni francesi, e continua ad essere il “marchio di qualità” del Made in France.

Il direttore della sede italiana di Atout France, Frèderic Meyer, ha ricordato le 18 buone ragioni per scegliere la Francia per le prossime vacanze, dagli eventi e le mostre a Parigi, ai grandi appuntamenti per lo sport fra cui la Ryder Cup di golf a fine settembre a Parigi, il Gran Premio di Formula 1, dal 21 al 24 giugno, che dopo 10 anni torna sul circuito Paul Ricard di Le Castellet ed i Festival del cinema di Cannes (dal 9 al 20 maggio) e Deauville in Normandia (in settembre) giunto quest’anno alla 44esima edizione.

Ma anche il Tour de France 2018, quest’anno si corre la 105^ edizione, in programma dal 7 al 29 luglio. Infine a Nimes, in Occitania, il 2 giugno si inaugura il Museo della Romanitè. Un progetto architettonico ed urbano che ospita cinquemila e passa opere che ripercorrono la storia della città attraverso 22 secoli. Per presentare al meglio l’intera collezione fatta di opere spettacolari, sono stati posizionati 65 dispositivi multimediali, ludici e didattici, che consentono al visitatore di interagire lungo l’intero percorso. Al pianterreno uno spazio trasversale permette l’accesso libero al giardino archeologico restituito al pubblico.

Comunque, ogni destinazione presente a Bologna ha avuto modo di illustrare i suoi “must” a cominciare dalla Normandia con i nuovi musei, la Bretagna uno dei luoghi più suggestivi e romantici d’Europa che ha nell’equilibrio fra mare e terra uno dei punti di forza. Più a sud l’Alsazia, un crocevia di culture, fra il mondo germanico e quello latino.

Il savoir faire gastronomico e le tradizioni artigianali di questa regione sono i protagonisti di numerosi eventi spalmati sull’intero anno: Fiera dei vini d’Alsazia, Fiera di Mulhouse, Fiera Europea di Strasburgo. Quest’anno poi si celebrano i 30 anni del Festival Internazionale di Comar. Poi il 4 giugno, a Selestat, si apre una eccezionale Biblioteca Umanistica. Nelle vetrine saranno in bella mostra 450 manoscritti che consentiranno al visitatore un viaggio, straordinario, nella storia del libro e della stampa.

Altra città da visitare è Bordeaux in Aquitania, celebre nel mondo intero per i suoi vini e dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

Bordeaux, offre uno dei complessi architettonici settecenteschi più armoniosi d’Europa. Atmosfera di festa, ottima qualità della vita, grandi vini e gastronomia raffinata, cultura e shopping: Bordeaux offre tutto ciò che si può desiderare. Ma Bordeaux è anche la città del vino per eccellenza. Dal 14 al 18 giugno si terrà la “Fete du Vin” il più importante appuntamento enoturistico d’Europa.

Da non dimenticare poi l’Occitania che come l’intero sud celebra Picasso ed il Mediterraneo. Il Museo Picasso di Parigi è alla base di questo programma, che promuove in tre anni un susseguirsi di esposizioni in diverse decine di Fondazioni e Musei internazionali. E poi Albi, Montpellier, Avignone, Aix en Provence, i villaggi di charme del Luberon in Provenza, le grandi mostre nel Rodano Alpi Alvernia. Infine la Costa Azzurra, il glamour francese, elegante e sorprendente che ha in Nizza a sua capitale. Una città di storia, architettura, cultura, arte, creatività, eventi, spettacoli, sport, svaghi, natura, dolcezza e sapori nel cuore di una regione dall’intramontabile bellezza.

“C’è sempre una buona ragione per scegliere la Francia – ha concluso il direttore Meyer – la sua cultura, la sua arte di vivere, il suo savoir faire. E allora buon 2018 di scoperte e novità in Francia”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi