gio 14 Dic 2017 - 511 visite
Stampa

Processo Carife, tocca alla difesa delle ‘controllate’

Il legale di Govoni e Nanni ha spiegato che Carife Sei e Bcr parteciparono con risorse proprie e che l'aumento di capitale non fu fittizio

Prosegue – e siamo ormai alle battute finali – l’udienza preliminare del processo per l’aumento di capitale del 2011 effettuato dalla Carife e, secondo l’accusa, origine del successivo crac.

È ancora il turno delle difese e mercoledì è toccato all’avvocato Filippo Sgubbi, legale di Paolo Govoni e Teodorico Nanni, il primo legale rappresentante di Carife Sei e il secondo consigliere d’amministrazione di Carife nonché legale rappresentante della Banca di credito e di risparmio di Romagna (Bcr).

Sgubbi ha chiesto il proscioglimento perché il fatto non sussiste per entrambi, sostenendo che “sia sul piano tecnico che fattuale non ci fu sottoscrizione reciproca di azioni” con le altre banche coinvolte e che l’aumento di capitale Carife non fu affatto fittizio come invece ritiene l’accusa. Su Carife Sei e Bcr Romagna, l’avvocato ha cercato di dimostrare come la loro partecipazione all’operazione sia avvenuta “con risorse proprie degli enti” e non come ‘schermo’ della controllante Carife.

Domani ultima udienza, ancora dedicata alle difese, prima di quella fissata per il 19 dicembre, quando arriverà la decisione del giudice.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi