Mar 13 Set 2016 - 6050 visite
Stampa

Tritoni al Palaspecchi: la Lega mette ‘in pausa’ la bonifica

Lodi: "Non è un'azione per interrompere i lavori. Bisogna catturare gli esemplari e portarli in un'oasi protetta"

14316735_10209912455918648_4311385765610214641_nFermare la bonifica, almeno temporaneamente, per salvare i tritoni. Colpo di scena al Palazzo degli Specchi, dove il responsabile sicurezza e immigrazione dell Lega Nord Nicola Lodi chiede ora di mettere in pausa i lavori per consentire il salvataggio di una specie di anfibi protetta, trovata tra le acque del parcheggio sotterraneo allagato: il tritone crestato.

A effettuare la scoperta è stato lo stesso Lodi, che in mattinata ha contattato la stampa per mostrare il proprio ritrovamento: un esemplare di anfibio all’interno di un bicchiere, mentre altri erano visibili sotto il pelo dell’acqua tra le acque del garage. Secondo Lodi, che ha contattato l’ufficio fauna naturalistica regionale per segnalare la situazione, “l’amministrazione sta compiendo un grave atto e un illecito”: per il responsabile del Carroccio i piccoli animali appartengono infatti alla specie dei tritoni crestati, inserito dalla Regione Emilia Romagna nella lista delle ‘specie particolarmente protette’. “Questa specie è rara e in via di estinzione ed è regolamentata da una legge regionale – afferma Lodi -. Ho contattato immediatamente il direttore del museo di scienze naturali il quale ha confermato la specie e ha manifestato preoccupazione in quanto andrebbe conservata questa rara specie”.

unnamed (51)Piccolo appunto tecnico: il tritone crestato è effettivamente una specie protetta, ma non è in via di estinzione. La legge regionale 15/2006 recepisce infatti la direttiva 92/43 CEE, che definisce ed elenca alcune specie di microfauna come “di interesse comunitario” allo scopo di salvaguardarne la biodiversità. L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura inserisce sia il tritone crestato che il tritone crestato italiano nella categoria meno a rischio (least concern) tra le specie prese in esame nella ‘Lista Rossa delle Specie Minacciate”. Le preoccupazioni maggiori sono quindi legate soprattutto alla distruzione dei loro habitat naturali.

Fatti i distinguo tra specie protetta e specie in via di estinzione, torniamo alle parole di Lodi, secondo cui “l’amministrazione sapeva già di questa situazione in quanto 10 anni fa, attraverso una mail era stata segnalata tale specie. Chiederà al capo cantiere lo spegnimento della motopompa in attesa di disposizioni”. Uno stop ai lavori che, assicura Lodi, sarebbe solo temporaneo: “Non è un’azione per interrompere la bonifica, è un dire attenti al Comune perchè stanno uccidendo una specie protetta. Nel sistema di pompaggio, in azione in questi giorni per prosciugare l’acqua depositata da anni nel parcheggio e nelle cantine, basterebbe mettere una rete per catturare tutti i tritoni presenti, e ce ne sono tanti, affidarli all’Asl per le verifiche del caso e portarli in un’oasi protetta”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa